“La nostra unica speranza vincere il possesso palla”


Sette successi di fila, il derby vinto due giorni fa all’ultimo secondo, domani sera l’ostacolo pi grande, il Barcellona, in una sfida che vale il primato nel girone di Champions. Al Camp Nou, dove le italiane non vincono da 13 incontri (10 k.o. e 3 pareggi), Luciano Spalletti non avr sicuramente Radja Nainggolan (si tenta il recupero per il match di ritorno contro i catalani dopo la distorsione alla caviglia) ma giocher senza paura: “Loro non rincorrono la palla, hanno le qualit per trovare soluzioni contro qualsiasi avversario. Dovremo gestire di pi la palla noi, questa la nostra unica possibilit”. Senza Messi il Bara sar meno temibile? “Con Leo sarebbe stato un Barcellona molto pi forte: lui differente, uno di quelli che quando pensi di aver visto tutto lui arriva e ti fa vedere cose diverse e ti crea confusione. Loro, per, hanno comunque soluzioni di alto livello. Dobbiamo essere una squadra di grande spessore, non dobbiamo essere succubi dell’avversario. Nel Bara c’ talento in qualsiasi parte del campo, una delle squadre pi forti del mondo. Loro sono favoriti, ma noi dobbiamo avere autostima, grande autostima, che non deve assolutamente sconfinare nell’arroganza perch stiamo giocando bene in questo momento. Nella partita non ci portiamo dietro il derby e gli altri risultati positivi, dobbiamo ripartire e rifare quello gi fatto nelle ultime partite. Serve una partita di fatica, di grande spessore mentale, serve tutto l’amore che noi abbiamo per il pallone”.

formazione
Detto di Radja, che sar sostituito da Borja Valero, Spalletti domani sera cambier alcuni uomini rispetto alla vittoria con il Milan: “Qualcosa avrei modificato comunque, ma voglio vedere come stanno quelli che hanno giocato il derby. Vediamo in quali condizioni sar Brozovic, che ha ancora fastidio, mentre Perisic sembra avere smaltito la botta”. In difesa giocher Miranda: “Non c’ Messi – dice il giocatore brasiliano – ma c’ comunque Suarez. un attaccante esplosivo, molto veloce. Con lui ci siamo sfidati tante volte e sono sicuro che anche stavolta sar un bel duello. Noi siamo qui per vincere non per fare gli spettatori”. Nel Bara potrebbe giocare l’ex (da tanti rimpianto) Rafinha: “Rafinha? Lo ringrazio per quello che ci ha dato per la conquista della Champions – chiude Spalletti -: stato fondamentale per noi, mi farebbe piacere vederlo giocare, ma penso che ci creerebbe problemi perch lui conosce il calcio. Perch non lo abbiamo tenuto? Avevamo dei limiti di mercato fino a un certo punto e non potevamo operare come volevamo, poi si sono allungati i tempi e molte operazioni sono state legate anche a delle uscite. Il Barcellona, quando abbiamo chiesto, non ha voluto nessuno dei nostri: cercheremo di fargli vedere che qualcuno di buono c’era”.


Dal nostro inviato Carlo Angioni 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it