la rabbia dei tifosi dopo Bologna


Diego Perotti, 30 anni. Lapresse

Diego Perotti, 30 anni. Lapresse

La contestazione, dopo l’assaggio di Bologna, ci sar all’Olimpico mercoled sera con il Frosinone. Ma intanto oggi, tra radio e social, la rabbia romanista esplosa in tutta la sua forza. Mista a stupore, perch i tifosi non si spiegano come una squadra capace di arrivare tra le prime quattro d’Europa neanche sei mesi fa non sia pi capace di vincere. Dal Bernabeu al Dall’Ara, passando per le prestazioni contro Atalanta e Chievo all’Olimpico, la Roma sembra essersi persa e i tifosi non ci stanno: “Ve ne dovete anna’ tutti”, il must delle dichiarazioni dell’infuocato pomeriggio giallorosso.

SOCIET E GIOCATORI
Per i tifosi sono i maggiori responsabili, ancor prima di Di Francesco. Monchi, ribattezzato “il cassiere di Siviglia” accusato di aver costruito una squadra “senza senso”, di aver venduto “tre pilastri di cemento per mettere al posto loro i mobili dell’Ikea”, e di aver tolto “corpo e anima” a tutto il gruppo. La Roma, che qualcuno chiama “Associazione sportiva resurrezioni”, visti i due gol fatti segnare al Bologna, finora a secco, sembra in balia di se stessa e, dopo Monchi, i tifosi se la prendono con Pallotta, ritenuto il principale responsabile della “nascita della As Roma Plusvalenza”. Anche i giocatori, stavolta, sono accusati: da Dzeko che “magari a Londra ci va davvero”, a Perotti “che fa il no look sotto di 2-0 e poi si lamenta”, fino a Cristante e Pellegrini “che vuole giocare e poi si divora gol a porta vuota” tutti sono invitati ad andare “a lavorare”. Nella migliore delle ipotesi.


DI FRANCESCO
Anche il tecnico non risparmiato, ma per lui la critica meno feroce. I tifosi lo accusano di cambiare troppo spesso squadra (“Marcano terzino brutto come le pantofole di nonna a Natale”), di essere in confusione, di avere poco polso, ma alla fine in parecchi lo assolvono. E il perch tutto nella sintesi di un tifoso, in lacrime, in un’emittente: “Luis Enrique era strano, Zeman bollito, Garcia presuntuoso e Spalletti pensava a Totti. Ma possibile che sempre colpa degli allenatori? M’avete rovinato la domenica, non vi voglio pi vedere”. Di certo, lui come gli altri tifosi, non vedranno la Roma a Termini: niente viaggio in treno, come previsto, la squadra torner nella capitale in pullman. Sar un lungo viaggio.

 Chiara Zucchelli 

© riproduzione riservata




Link ufficiale: gazzetta.it