Lazio, in arrivo un’estate calda: quanti giocatori con la valigia pronta – La Gazzetta dello Sport


Da Wallace e Durmisi finendo a Caicedo e Badelj. C’è fermento, in attesa sempre di capire come andrà a finire con Simone Inzaghi: resterà?

Valigia in mano, ma non soltanto per le vacanze. In casa Lazio ci si prepara a un’estate piena di movimenti di mercato. Sono diversi i giocatori che sembrano giunti al termine dell’esperienza in biancoceleste. A cominciare da Wallace: il brasiliano è a Roma da tre anni e dopo un inizio discreto, è stato criticato per qualche errore di troppo (famoso uno in un derby perso due stagioni fa) al punto che in Lazio-Atalanta dello scorso 5 maggio, gara nella quale ha gravi colpe su tutti e 3 i gol dei bergamaschi, i tifosi hanno finito per fischiarlo a ogni tocco di palla. Da quel giorno Inzaghi non lo ha più schierato: ha estimatori in Brasile, potrebbe finire al Flamengo. Se ne occuperà Mendes, agente con il quale la Lazio deve affrontare anche il discorso relativo al futuro di Bruno Jordao e Pedro Neto.

Le uscite

—  

Nel corso dell’anno non ha mai convinto Riza Durmisi, che ha giocato appena due partite da titolare in campionato. La società cerca un rinforzo sulla fascia sinistra (serve un giocatore che permetta a Lulic di tirare il fiato più spesso), segno che non si punta più sull’ex Betis: la Lazio lo ha però pagato 7,5 milioni, l’idea è quindi quella di darlo in prestito (probabilmente in Danimarca) per ammortizzare il costo dell’operazione e cederlo fra un anno a una cifra più alta rispetto al suo valore attuale. Discorso simile sull’altra fascia: a destra la Lazio ha Romulo e Marusic e per Patric non c’è spazio. Il suo desiderio è quello di tornare in Spagna, ma è pronto a valutare proposte anche da altri paesi. C’è poi Guerrieri: a 23 anni è arrivato il momento di giocare. Nel 2015 venne premiato come miglior giocatore (anche fra quelli di movimento) della Final Eight del campionato Primavera. La società vuole valorizzarlo dopo che nelle ultime stagioni si è sacrificato come terzo portiere.

Le sorprese

—  

Ci sono poi giocatori con i quali la Lazio potrebbe fare un po’ più di cassa. Da valutare il futuro di Milinkovic (piace alla Juventus) e Luis Alberto (su di lui il Siviglia), potrebbero partire anche Caicedo e Badelj. L’attaccante sudamericano in questa stagione è andato sorprendentemente bene: 8 i gol segnati, 7 nel girone di ritorno. Le sue reti, fra l’altro, sono sempre state pesanti (in 6 occasioni ha segnato il primo gol dell’incontro). Il rapporto con tifosi e compagni è ottimo, ma a 30 anni e con il contratto in scadenza nel 2020, vuole trovare una nuova soluzione per giocare con più continuità e sentirsi protagonista, anche perché la Lazio in attacco sta provando a chiudere per Wesley del Bruges. Su di lui c’è il Bologna. Diverso il discorso per Badelj: l’ex capitano della Fiorentina ha totalizzato 23 presenze in campionato, con una media inferiore ai 50 minuti a partita. Vuole giocare di più. Con la conferma di Inzaghi la sua cessione (lo vuole il Bordeaux) sarebbe quasi inevitabile. Incerto infine il futuro di Bastos: l’angolano in questa stagione ha fatto bene. Non ha giocato tantissimo (18 presenze in campionato, 28 in totale) ma è stato spesso schierato nelle partite più importanti: titolare nelle due semifinali di Coppa Italia con il Milan, nella finale con l’Atalanta e nelle gare con Roma, Inter, Juventus e Napoli in campionato. Per il momento partirà per la Coppa d’Africa. Solo in base alle offerte si capirà se dovrà portare con sé più di una valigia.


Link ufficiale: gazzetta.it