Leiva torna a San Siro dopo veleni e polemiche


Lucas Leiva, 32 anni. GETTY

Lucas Leiva, 32 anni. GETTY

La Lazio riparte con Lucas Leiva. Domani sera, nella semifinale di ritorno di Coppa Italia di San Siro contro il Milan, al volante dei biancocelesti ci sar il 32enne brasiliano che torna in formazione dopo il turno di squalifica in campionato. Ancora una volta si avvertita la sua assenza, rimarcata non solo dalla sconfitta contro il Chievo, che ha praticamente dissolto le speranze di Champions. Il passaggio alla finale di Coppa pu diventare una forma di riscatto immediato. E il rientro di Leiva in questo senso costituisce una garanzia per Inzaghi: per personalit e valore tattico l’ex Liverpool sempre pi il leader della Lazio, considerando anche l’appannamento mostrato ultimamente dagli altri protagonisti biancocelesti.

QUEL FINALE AD ALTA TENSIONE
“Mi preme chiarire che le accuse rivolte recentemente alla mia persona su eventuali fatti nel post partita di Milano sono totalmente false e infondate”, cos una settimana fa Leiva ha replicato via social alle accuse di aver insultato un addetto stampa del Milan in sedia a rotelle nel finale della gara di campionato del 13 aprile, reso incandescente da un rigore non concesso su Milinkovic. Che cre una coda di veleni e polemiche non solo sul campo. Leiva, come Patric e Luiz Felipe, stato poi raggiunto da un’ammenda di 10 mila euro da parte del giudice sportivo per quella rissa finale. Undici giorni dopo il brasiliano torner a San Siro, confidando di superare definitivamente i brutti ricordi di quella serata. Domani, la Lazio vuole voltare pagina. E magari riallacciarsi ad altri freschi precedenti a San Siro. Come il successo di campionato contro l’Inter del 31 marzo scorso. O sempre in tema di Coppa Italia, l’exploit contro i nerazzurri del 31 gennaio che diede il passaggio alle semifinali. Quella sera, fu proprio Lucas Leiva a realizzare il rigore decisivo che fiss il 5-4 finale. Ora il brasiliano pronto a condurre la Lazio ancora una volta oltre l’ostacolo.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

  Nicola Berardino 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it