l’emigrante da 80 milioni di euro


Cristiano Piccini con la maglia del Valencia. Getty

Cristiano Piccini con la maglia del Valencia. Getty

Forse non tutti hanno realizzato che Roberto Mancini, dopo i forfait di Romagnoli, Cutrone e D’Ambrosio, ha scelto il terzino pi costoso del mondo per sostituire il laterale nerazzurro. Proprio cos, Cristiano Piccini torna in Italia e lo fa in punta di piedi, cos com’era andato via. L’esterno del Valencia arrivato in estate al “Mestalla” dallo Sporting Lisbona e gli spagnoli hanno voluto blindarlo con un contratto che prevede una clausola rescissoria da 80 milioni di euro.

giramondo
Classe 1992, il semisconosciuto Piccini ha una grande gavetta alle spalle: nato e cresciuto a Firenze, dove ha anche giocato nelle giovanili della Viola, la sua carriera inizia sui campi di B e C. Carrarese, Spezia e Livorno prima del passaggio in Liga: nel 2014 firma con il Betis Siviglia e nel 2017 arriva allo Sporting Lisbona. Con i portoghesi fa il suo esordio in Champions League e, nell’ultima sessione di mercato, finito al Valencia che lo ha pagato 10 milioni per poi blindarlo con una clausola da 80. Marcelino e il proprietario del club, Peter Lim, sostengono che sar il suo anno e, finora, Piccini sembrato essere al centro dei piani del club: in Liga ha collezionato 7 presenze, mentre la sua prima gara in Champions League stata contro lo United.


terzino di “peso”
Piccini non il solito terzino brevilineo: 189 cm di altezza per 89 kg di peso, fanno di lui un calciatore prestante fisicamente ma comunque dotato di un’ottima velocit e resistenza. Caratteristiche che gli permettono di essere un terzino in grado di gestire le fasi di gioco. Finora, in carriera ha ricoperto sia il ruolo di terzino destro nella difesa a 4, sia quello di tornante destro con lo schieramento a 5.

impegno
Dopo tanto girovagare, Piccini riuscito anche a conquistarsi la maglia azzurra: grazie a quella “dedication”, parola d’ordine del suo profilo Instagram, che gli ha permesso di continuare con impegno e dedizione, senza mai arrendersi. Neanche dopo la rottura del crociato nel 2016. Ora, Piccini, dopo la maglia azzurra, magari avr un altro sogno: quello di tornare a casa e giocare nella “sua” Serie A. Le “big” per sono avvisate: per portarlo via al Valencia serviranno 80 milioni.


Link ufficiale: gazzetta.it