“Lui e Keita tornino presto”


Luciano Spalletti, allenatore dell'Inter, 59 anni. Getty

Luciano Spalletti, allenatore dell’Inter, 59 anni. Getty

Viene da quattro vittorie di fila, tra campionato e Europa League, l’Inter di Luciano Spalletti, che domani alle 20.30 farà visita alla Fiorentina: “Tutte le partite sono esami, un obiettivo. La squadra ha fatto meglio in questo periodo e ha messo a posto cose che non ci riuscivano molto”. Tra i giocatori che hanno fatto il salto di qualità, Perisic e Nainggolan: “Il segreto della rinascita di Perisic è la sua forza mentale, ma anche altri stanno facendo vedere di essere in condizione, bisognerebbe recuperare qualcuno davanti perché siamo contati”.
EMERGENZA ATTACCO
In attacco, in primis, manca Icardi: “Spero che torni a disposizione e con lui Keita. Possiamo sopperire a queste assenze nella partita settimanale, ma con 4 partite in 15 giorni diventa più difficile”. Tra le opzioni, anche quella di vedere Politano centravanti: “Ha fatto la punta nel Sassuolo, punta di movimento che attacca gli spazi. Hai meno forza in chiusura dentro l’area di rigore. In palleggio ti dà più possesso e ti fa alzare la squadra. La squadra deve poi riempire gli spazi che lascia e andare a concludere”. Sulla qualificazione alla prossima Champions, l’allenatore toscano ha detto: “Sono ottimista, la squadra sta bene. Prima del mio arrivo eravamo 25 punti lontani dalla Roma ed eravamo dietro anche al Milan. Essere davanti è già un traguardo”.

A BREVE IL SERVIZIO COMPLETO


I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it