lui il jolly del centrocampo di Inzaghi


Riza Durmisi allarga il raggio d’azione. Il 24enne esterno danese studia anche da interno. Per proporsi da vero jolly del centrocampo della Lazio. Inzaghi lo ha accentrato nel test con la Cavese. Non un semplice esperimento da sosta del campionato: il tecnico biancoceleste sta lavorando sulle sue doti tattiche, in particolare sul piano della copertura. Come freccia per la corsia sinistra ha convinto la Lazio a sborsare 7,5 milioni di euro per strapparlo agli spagnoli del Betis. Ma per Durmisi l’arrivo alla Lazio per inseguire progetti Champions ha significato pure l’approdo nel campionato italiano come rampa per magari riconquistare un posto nella Danimarca dopo l’amarezza dell’esclusione dalla lista dei convocati per il Mondiale in Russia. Ogni sosta per le nazionali gli riporta alla mente la “lontananza” dalla maglia della Danimarca che ha indossato per 23 gare.

rilancio
Ora per Durmisi vuol guardare solo avanti. Con la Lazio tornato in pista nella sfida col Marsiglia dell’altra settimana. Al rientro dal primo minuto ha rilevato Lulic (infortunato) nella gara che ha segnato il salto ai sedicesimi di Europa League con due turni d’anticipo. Una ripartenza dopo lo stop per una lussazione al gomito rimediata a Francoforte contro l’Eintracht. Corsa, grinta e generosit, il mix delle qualit in un repertorio pronto ad essere ulteriormente alimentato. Nel campionato avviato verso la fase pi calda l’esterno danese con famiglia macedone di origini albanesi vuol farsi largo prima possibile. Dalla gara col Milan la sua stagione va a caccia di nuove possibilit.


 Nicola Berardino  

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it