“Ma ora so scindere calcio e vita privata”


Riccardo Saponara, 27 anni. Getty

Riccardo Saponara, 27 anni. Getty

L’uomo verticale di Marco Giampaolo Riccardo Saponara, al quale domani sono affidate le speranze blucerchiate di creare varchi in attacco contro un Cagliari che verr a Genova in emergenza e abbottonatissimo nel modulo. Ma la confessione dell’ex pupillo del tecnico sampdoriano quando i due erano insieme a Empoli, racconta quanto sia difficile per i giocatori dotati di maggiore estro convivere con una sorta di obbligo di inventarsi sempre la giocata a effetto.

CALCIO E VITA PRIVATA
Saponara racconta come per lui tutto sia cambiato quando riuscito a far s che la sua esistenza non ruotasse pi esclusivamente intorno al pallone: “La mia vita dipendeva da quella che era stata la mia prestazione nella partita precedente. Ora ho imparato ad essere meno fiscale con me stesso”. Adesso che ha imparato a scindere i due aspetti, il calcio e la vita di tutti i giorni, anche il suo rendimento in campo ne ha tratto giovamento. E ogni riferimento alla perla che l’8 dicembre scorso all’Olimpico, al minuto 99, ha regalato il due a due finale alla Samp contro la Lazio, ne rappresenta solo uno degli esempi.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Filippo Grimaldi 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it