“Mandzukic? Non avrebbe giocato lo stesso”


Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus. LaPresse

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus. LaPresse

Il tris gli manca ancora in Champions League e i grandi stadi ispirano spesso imprese da ricordare. Massimiliano Allegri sbarca all’Old Trafford per la prima volta senza il suo guerriero di fiducia, Mario Mandzukic (out per una distorsione alla caviglia sinistra in allenamento) e ritrova Jos Mourinho (ultimo confronto in Champions League nel 2010-11, Milan-Real nel girone: un pari e una sconfitta per il livornese) e Paul Pogba. Sar una battaglia da combattere con un centrocampo in emergenza (dopo Khedira, si fermato pure Emre Can per un nodulo alla tiroide) e con la testa giusta, perch con la terza vittoria di fila gli ottavi sarebbero praticamente in cassaforte.

IPOTECHIAMO GLI OTTAVI
“Questo un mese importante e non l’abbiamo iniziato bene – dice il tecnico – un passaggio importate perch in caso di vittoria possiamo ipotecare il passaggio del turno. Il Manchester una squadra molto fisica, dobbiamo giocare bene tecnicamente altrimenti troveremo difficolt. Ci vorr una partita di grande lucidit e dovremo essere bravi e precisi con il pallone tra i piedi, loro hanno un’alternativa della palla alta che noi non possiamo avere”.


GIOVANI CONTRO GIOVANI
Allegri elogia i giovani di Mourinho e anche quelli della sua squadra: “Oltre a Pogba troveremo tanti giocatori forti, tra cui Martial, molti giovani validi come li abbiamo noi. Dovranno essere il futuro del calcio mondiale, per tutti sar un test importante per il futuro dei singoli giocatori. Lo United ha tecnica, velocit e fisicit, Mourinho un allenatore molto esperto e noi dovremo fare una partita giusta sotto tutti i punti di vista. Ci servir per rientrare dopo lo stop di Genova e stare 100 minuti dentro il campo, perch qui le partite non finiscono mai. Domani ci vorr il piacere di giocare a calcio”.

TANTI DUBBI
Sulla formazione come sempre non si sbilancia: “Mandzukic comunque non avrebbe giocato, rimasto a Torino perch dolorante ma conto di recuperarlo presto. Khedira la prossima settimana dovrebbe essere in gruppo. Senza Mario possiamo giocare senza centravanti o con uno con caratteristiche diverse. Non so ancora se con i tre davanti o con due. Centrocampo a due? Non ho deciso, Cuadrado pu fare la mezzala oppure possiamo giocare con tre difensori ma non credo perch cos ci incartiamo. Quindi continueremo a quattro”. Poi per alla domanda specifica su Barzagli terzino, risponde un sibillino “Ni”. Chiusura sui gol subiti in area e su Bernardeschi: “Ci sono stati errori da parte di tutti, su sei gol ne abbiamo presi 4 allo stesso modo: dobbiamo lavorare. Non so se Federico giocher titolare domani, per lui come per gli altri questa partita pu essere un passaggio per diventare grande”.

Dalla nostra inviata Fabiana Della Valle  

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it