Mario Pianesi, guru della macrobiotica, accusato dell’omicidio della ex moglie


Mario Pianesi, fondatore settantatreenne di un impero nel campo della macrobiotica in Italia, è accusato di omicidio volontario aggravato dell’ex moglie Gabriella Monti. Sull’uomo grava già l’addebito (in quel caso insieme ad altre tre persone, tra cui l’attuale moglie Silvana Volpi) di aver creato una setta per ridurre in schiavitù e maltrattare persone costrette a pesanti diete. Il pm di Ancona Paolo Gubinelli ha aperto un procedimento parallelo a quello principale, scaturito da un’indagine che è stata chiusa lo scorso marzo. La nuova pesante accusa nei confronti di Pianesi emerge dalla richiesta del pm al gip di incidente probatorio che la Squadra Mobile di Ancona ha recapitato al “guru” a San Severino Marche. La Procura vuole raccogliere dichiarazioni di testimoni. Secondo l’accusa Mario Pianesi avrebbe causato la morte dell’ex moglie, che sarebbe stata costretta a curarsi con “diete miracolose” quando avrebbe avuto bisogno di terapie mediche mirate. Nel 1997 la donna era stata colpita da un ictus ed è poi morta nel 2001 in ospedale ad Ancona, in uno stato di grave deterioramento fisico dopo avere rifiutato per anni cure e ricoveri, sottoponendosi solo al regime alimentare macrobiotico.

Riduceva in schiavitù i propri “adepti” – Le indagini su Pianesi erano scattate da una serie di denunce di ex adepti, che avevano parlato di regimi alimentari “da fame” (la dieta Ma-Pi), articolati in vari step e imposti come vere e proprie terapie alternative ai trattamenti medici e farmaceutici tradizionali, di progressivo isolamento da familiari e amici per seguire fedelmente lo stile di vita imposto dal “guru” che nel tempo ha creato un vero e proprio impero con il marchio “Un punto macrobiotico” (Upm), una catena di ristoranti e negozi. Pianesi, l’attuale moglie e altri due collaboratori sono indagati per reati che vanno dall’associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù ai maltrattamenti e lesioni aggravate all’evasione fiscale.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/