Meningite, secondo caso a Treviso in pochi giorni: grave una 40enne


Nuovo caso di meningite da pneumococco in pochi giorni all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. Stando a quanto riporta La Tribuna di Treviso, da sabato scorso è ricoverata una donna di quaranta anni per un’otite trascurata e degenerata in un principio di meningite. Si tratta del secondo caso registrato in poco tempo nell’ospedale di Treviso: la settimana scorsa è morto in seguito a un improvviso aggravamento delle sue condizioni cliniche Paolo Duo, un quarantaseienne residente a Candelù di Maserada (Treviso), sposato e padre di due bambine. Stando a quanto si apprende, le condizioni della paziente – ricoverata prima nel reparto di Rianimazione e poi trasferita in Terapia intensiva nel reparto di Neurochirurgia – non sarebbero però gravi quanto quelle del paziente morto nei giorni scorsi. La donna è tenuta sotto costante osservazione dai medici.

La meningite da pneumococco non dà origine a focolai epidemici – Lo Streptococcus pneumoniae o Pneumococco è, dopo il meningococco, uno degli agenti più comuni della meningite. A differenza di altri tipi di meningite non dà origine a focolai epidemici  e per questo motivo non richiede interventi di profilassi antibiotica sui familiari e i contatti del paziente. Nel caso dell’uomo morto la settimana scorsa, il primario Roberto Rigoli aveva ricordato che l’autocura in presenza di infezioni è sempre pericolosa. L’invito dei medici è dunque quello di affidarsi immediatamente agli esperti.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/