Mertens verso il rinnovo: “Resto qui, questa non era l’ultima col Napoli” – La Gazzetta dello Sport


L’attaccante belga dopo la sconfitta col Bologna: “Voglio essere ancora più importante”. E con De Laurentiis studia il prolungamento fino al 2021

Dal nostro inviato Mimmo Malfitano

La conferma, seppur non ancora ufficiale, l’ha annunciata lui stesso, nel ventre del Dall’Ara. Commentando il gol numero 16 col quale ha chiuso il campionato, Dries Mertens ha ammesso che, alla fine, resterà: “Ho ancora un altro anno di contratto e resto qua. In campo non ho avvertito la sensazione che questa potesse essere stata la mia ultima partita con la maglietta del Napoli”. La sua intuizione potrebbe essere quella più giusta. Non è escluso, infatti, che a breve l’attaccante belga possa essere convocato da Aurelio De Laurentiis per discutere il prolungamento dell’attuale accordo di almeno un’altra stagione, ovvero fino a giugno 2021. Un riconoscimento alla professionalità di questo ragazzo che s’è legato con tutto se stesso al progetto del presidente ma, soprattutto, alla città. Il suo rapporto con Napoli e i napoletani è molto forte, per lui i tifosi stravedono.

PUNTO FERMO

—  

Ad accelerare i tempi del prolungamento ci ha pensato Carlo Ancelotti che nell’anticipare i promossi per la prossima stagione, nella lista ha inserito pure Mertens. Sul nazionale belga conta parecchio, l’allenatore. Anche ieri sera, al Dall’Ara, il suo ingresso ha impresso un cambiamento di ritmo alla gara, l’attaccante ha garantito maggiore spinta e non ha perso l’occasione per segnare: è stato suo il go del momentaneo pareggio. Fino a quel momento, il Napoli aveva avuto poca consistenza nella fase offensiva, Insigne e Verdi non hanno convinto, al punto che all’inizio della ripresa, Ancelotti li ha sostituiti proprio con Mertens e Callejon. “Voglio essere ancora più importante per la squadra, ho avuto qualche difficoltà nel cambiamento tattico e a trovare un posto, ma alla fine ci sono riuscito. Abbiamo un buon sistema offensivo che penso funzioni bene”, ha spiegato Mertens.


Link ufficiale: gazzetta.it