Migranti, il Viminale sbloccherà i fondi per l’accoglienza destinati a Riace: Nessuna irregolarità


Il ministero dell’Interno guidato da Matteo Salvini potrebbe sbloccare i fondi per l’accoglienza dei migranti a Riace. Questo è quanto annunciato oggi dal primo cittadino Mimmo Lucano, che ha dichiarato: “Per anni i bonus (una sorta di moneta sostitutiva utilizzata per favorire il commercio interno al borgo e nelle zone limitrofe, ndr) sono stati portati come esempio innovativo e virtuoso per aggirare la mancanza di puntualità del ministero nell’erogazione dei fondi per i servizi. E si tratta di servizi inderogabili. Perché il latte in farmacia per i neonati si deve comprare, le persone devono mangiare. A un certo punto, senza spiegare il perché, hanno detto che questo sistema non andava bene”.

Il Viminale ora vorrebbe procedere con la revoca del blocco dei fondi per presunte irregolarità commesse nelle rendicontazioni relative ai fondi ricevuti. “C’è stata una seconda ispezione prefettizia assolutamente positiva, tuttavia per mesi se ne sono perse le tracce. Ma la verità comincia ad emergere”, afferma Lucano, annunciando le novità. Mimmo Lucano è conosciuto nel Paese come il “sindaco dell’accoglienza” e il modello Riace è considerato uno dei migliori in Italia: la cittadina accoglie circa 300 rifugiati che da tempo lì vivono e hanno ripopolato un paese ormai abbandonato dagli originari residenti.

Il sistema di accoglienza di Riace, sostanzialmente, ha portato all’apertura ai migranti delle case abbandonate dai vecchi proprietari, portando così a nuova vita i “laboratori di antichi mestieri e anima nuovi progetti, nel piccolo borgo calabrese è nata una microeconomia che ha portato benefici anche alle attività dei paesi limitrofi, ha creato posti di lavoro per i giovani della zona e ha fatto conoscere Riace al mondo intero”, spiega Repubblica.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/