Milan, il Dudelange di un italiano. Becca: “Sono interista…”


Flavio Becca (a destra), 56 anni, con Lehit Zeghdane, vice-allenatore

Flavio Becca (a destra), 56 anni, con Lehit Zeghdane, vice-allenatore

Un Paese sfida una leggenda. Il sogno del Dudelange diventer realt questa sera, quando la squadra di Dino Toppmller debutter in Europa League, primo club del Gran Ducato del Lussemburgo a qualificarsi a una fase a gironi di una competizione Uefa, ospitando il Milan al Josy Barthel, lo stadio della Capitale e casa della della nazionale. Tutti esauriti gli 8.054 posti, il triplo rispetto ai 2.600 del Jos Nosbaum Stadium, lo stadio di Dudelange, non idoneo. Nato nel 1991 dalla fusione di tre club in quello che il quarto comune del Lussemburgo (17mila anime), l’F91 Dudelange ha conquistato 14 campionati e 7 Coppe nazionali. Il club appartiene a Flavio Becca, 56 anni, lussemburghese di origine italiane (il pap di Valtopina, in provincia di Perugia), conosciuto perch col marchio Leopard, bevanda energetica, si fatto strada nel ciclismo e ora vince nel Motomondiale: nel team diretto da Miodrag Kotur, ex uomo Ferrari, e Massimo Vergini, la Leopard ha conquistato il Mondiale Moto3 2017 con Joan Mir e quest’anno ha vinto gare con Enea Bastianini e Lorenzo Dalla Porta.

Becca, quando ha comprato l’F91 Dudelange?


“Nel 1998, e l’anno dopo ecco il primo titolo”.

Si fatto un nome col ciclismo.

“Fino a 18 anni correvo in bici, pap sponsorizzava una squadra. Amo i motori, e il calcio una passione. E poi mi piaceva l’idea una squadra che fermasse il dominio della Jeunesse, la Juve del Lussemburgo”.

Quante squadre giocano nella Division Nationale?

“Quattordici. Ma in un Paese cos piccolo sono troppe. Fossero 8-10 sarebbe un vantaggio”.

Da dove arrivano i giocatori?

“Abbiamo in rosa 11-12 lussemburghesi su una rosa di 27, gli altri arrivano da Belgio, Germania, Francia, Georgia… Abbiamo l’ex difensore di Lazio e Psg, il serbo Milan Bisevac. La stella l’olandese David Turpel, la scorsa stagione stato con 30 gol il terzo realizzatore in Europa dietro Leo Messi e Mbapp. E c’ l’ex terzo portiere della Juventus, Landry Bonnefoi”.

Professionisti e non.

“Sette-otto al mattino lavorano. Toppmller, allenatore del F91, figlio di Klaus, ex attaccante che da allenatore port il Bayer Leverkusen in finale di Champions nel 2002”.

Il Dudelange in Italia?

“Potremmo giocare in C”.

L’Europa League cosa significa?

“Qualificandoci ai gironi ci siamo assicurati 3,8 milioni di euro, gi pi del budget della squadra, che sui 2,5 milioni”.

Lei tifoso interista…

“S, ed ero socio dell’impresa Torno, che ha costruito il terzo anello di San Siro”.

Sarebbe contento se…?

“Sono realista, ma se arrivasse un pari…”.

 Paolo Ianieri 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it