Montella: “Cessione? Ci mancava solo questa…” – La Gazzetta dello Sport


L’allenatore della Fiorentina ha parlato prima della sfida salvezza contro il Genoa, analizzando anche i rumors su un possibile cambio di proprietà

“Ci mancava solo questa”. Nella vigilia più complicata di sempre dal punto di vista sportivo, anche le voci su un possibile cambio di proprietà che arrivano da New York (con Rocco Commisso interessato a rilevare la società dei Della Valle, ndr) non aiutano a preparare il match salvezza con il Genoa. “Io ci sono abituato – continua Montella – visto che il nome di Commisso lo sentivo anche quando ero al Milan. Ma sinceramente queste voci lasciano il tempo che trovano e non contano nulla. Per me conta la passione che ha la proprietà Della Valle ed Andrea lo dimostra sempre. Anche in questi giorni è qui con noi. Sta soffrendo molto e mi dispiace per lui. Anche quando ero alla Roma poi stava cambiando la proprietà Sensi, alle voci sono abituato”.

SENZA PAURA

—  

Poi sulla sfida di domani. “Abbiamo lavorato sulla testa e sulla consapevolezza. Esaminando quanto accaduto nelle ultime 7 gare. Ci giochiamo la stagione, dobbiamo difendere Firenze e non solo la Fiorentina. Siamo stati messi alla prova in modo violento ed inaspettato, ma se siamo intelligenti sarà un momento di crescita. E’ successo veramente l’incredibile, ma dobbiamo mettere il timbro sulla fine di questa stagione con coraggio, sapendo che non dobbiamo avere paura. Il nostro destino dipende da noi”.

FIRENZE E’ CON NOI

—  

“Nel paradosso di questa settimana ho ritrovato Firenze. Con la sua passione, vicinanza e voglia di incidere. Questo l’ho sentito io e l’ha sentito la squadra. L’indifferenza in questi giorni non c’è stata e ci è entrato il calore nella pelle. Domani con la spinta del pubblico sono sicuro che non avremo paura. Si sente nell’aria il profumo di una tifoseria che ti aiuta”.

NIENTE RADIO

—  

Se l’Empoli non dovesse vincere a San Siro il risultato dei viola sarebbe ininfluente. Con la Fiorentina salva a prescindere. “Io ho un po’ di esperienza e giocare per due risultati su tre è un errore che non devi mai fare, come stare ad aspettare altri risultati. Una partita di attesa o gestione è complicatissima anche per i più esperti, figuratevi per noi. Dobbiamo giocare per vincere sapendo di non dover perdere ovviamente. Io sono convintissimo di questa scelta, ovvero del ritorno a Firenze, poi nel calcio ci sono alti e bassi nel percorso. Sono sempre più carico perchè le sfide mi piacciono”.

COLPA MIA

—  

Montella non sarà in panchina. Squalifica ridotta, ma non tolta. “Ho sbagliato, chiedo scusa, ho saputo che il cartellone di rimbalzo ha preso una persona, non lo sapevo (Il tecnico con un pugno ha colpito un cartellone che ha poi toccato uno steward, ndr). Era leggero e non sarà niente di grave, ma non lo avevo visto quindi chiedo comunque scusa. E’ giusto che paghi, mi spiace succeda in questo momento. Sarà una partita differente per me”.

GENOA

—  

Chiusura sugli avversari di domani. “Il Genoa è una squadra con poco fraseggio che gioca bene fra le linee ed in profondità. Cambiano spesso disposizione, dovremo essere abili e lucidi per capire questi momenti nella gara. E dovremo essere mentalmente al 100%”.


Link ufficiale: gazzetta.it