Morto mentre andava a lavoro, a Giuseppe Liotta intitolato il reparto di Pediatria di Corleone


Il reparto di Pediatria dell’ospedale “Dei Bianchi” di Corleone verrà intitolato a Giuseppe Liotta, il medico palermitano quarantenne scomparso sabato scorso durante il nubifragio che si è abbattuto in provincia di Palermo e trovato morto giovedì in territorio di Roccamena nel vigneto di un’azienda agricola allagata dal fiume Belice sinistro. In quell’ospedale Giuseppe Liotta, sposato e padre di due bimbi, lavorava dallo scorso febbraio: “Per ricordare il suo esempio di medico serio, preparato e scrupoloso – ha appunto annunciato il commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo, Antonio Candela – intitoleremo alla memoria di Giuseppe Liotta il reparto di Pediatria dell’ospedale ‘Dei Bianchi’ di Corleone nel quale lavorava da febbraio e che sabato scorso stava cercando raggiungere per non mancare al suo turno di lavoro”. Del pediatra scomparso vengono ricordate le “grandi doti umane e professionali”: sabato era partito da Palermo sfidando la tempesta perché non voleva rinunciare al suo turno notturno all’ospedale di Corleone e così sostituire la collega delle ore diurne.

Sabato i funerali di Giuseppe Liotta – Il funerali di Giuseppe Liotta si svolgeranno domani alle ore 11.00 a Palermo nella chiesa di Mater Ecclesiae in piazza San Marino, viale Francia. La salma sarà portata oggi nel salone parrocchiale della parrocchia di San Vincenzo, in via dei Quartieri, dove verrà allestita la camera ardente e dove è previsto un momento di preghiera per le 21. La procura di Termini Imerese ha aperto un’indagine sulla morte del pediatra palermitano. Il fascicolo è a carico di ignoti e ipotizza i reati di inondazione e omicidio colposo. Il pm ha disposto l’autopsia sul cadavere, che è stata effettuata all’istituto di medicina legale del Policlinico: l’esame ha confermato che la morte è avvenuta per annegamento e le lesioni compatibili ai tremendi urti con rocce e altro.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/