MotoGP Misano 2018, Valentino Rossi: “Momento difficile”


Il settimo posto finale nel GP di casa non soddisfa il “Dottore”: “Dobbiamo essere in grado di capire cosa succede alla nostra moto”


Valentino Rossi (Movistar Yamaha) non può certo essere soddisfatto del settimo posto conquistato ieri nel GP di San Marino e della Riviera di Rimini, un risultato arrivato al termine di una gara incolore nonostante le premesse della vigilia avessero fatto presagire una crescita, in termini di competitività, della sua YZR-M1.

Il prototipo giapponese, infatti, ha confermato anche a Misano Adriatico tutte le sue difficoltà nel “tenere il passo” delle migliori Ducati e Honda, con Rossi giunto sul traguardo a quasi 20″ dal vincitore Andrea Dovizioso (Ducati Team) e a 3″ dalla miglior Yamaha del compagno di box Maverick Vinales, 5° di giornata.

Il fuoriclasse pesarese ha inoltre perso la seconda piazza in campionato, rilevata dallo stesso “Dovi”, un elemento che aggiunge altra delusione a un weekend tutt’altro che esaltante per lui:

“E’ stato un peccato perché mi sarebbe piaciuto fare una bella gara qui, a Misano, nel mio GP di casa, davanti a tutti i miei amici e a così tanti fans.”

“Mi aspettavo di essere più veloce in gara, anche perché nelle FP4 andavamo forte e il nostro passo non era affatto male. E anche in qualifica non eravamo andati male: abbiamo chiuso settimi, ma a pochi centesimi dalla pole”.

Ma i buoni esiti delle precedenti sessioni non hanno trovato riscontro nella giornata di domenica, nonostante le condizioni del tracciato romagnolo non fossero poi così diverse se non per un leggero aumento delle temperature:

“Purtroppo, nel warm-up di stamattina, ci siamo ritrovati con dei problemi in più sulla moto, e lo stesso oggi pomeriggio in gara, nonostante le condizioni fossero più o meno le stesse di ieri.”

“Il grosso problema è che al momento non capiamo il perché di questo cambiamento. Dobbiamo essere in grado di capire cosa succede alla nostra moto in situazioni come questa. Spero che potremo sistemare le cose molto velocemente perché voglio tornare a fare delle belle gare.”

I problemi del “Dottore” e del team Yamaha, a secco di vittorie in MotoGP da ormai un anno, non sembrerebbero quindi vicini a una soluzione, come ammesso dallo stesso Rossi:

“È un momento tecnico difficile e non è così facile migliorare, anche perché Honda e Ducati hanno fatto dei passi avanti importanti.”

“Il campionato era iniziato anche bene, ma poi i nostri avversari hanno continuato a migliorare mentre noi, arrivati a questo punto della stagione, facciamo ancora molta fatica”.




Link ufficiale: http://www.blogo.it/rss