Napoli, con il Chievo torna Verdi. Younes tra i convocati?


Simone Verdi si

Simone Verdi si infortunato nella trasferta di Udine del 20 ottobre. Getty

La novit tra i convocati per domenica dovrebbe essere rappresentata dalla presenza di Simone Verdi. L’attaccante ha recuperato dall’infortunio muscolare e Carlo Ancelotti potrebbe utilizzarlo contro il Chievo. Probabilmente non dal primo minuto, ma a gara in corso, per fargli ritrovare il clima partita. Con il rientro dell’ex bolognese, l’allenatore avr a disposizione tutti gli attaccanti, avr soltanto da scegliere la coppia che schierer contro la formazione di Di Carlo. Scontata la presenza di Lorenzo Insigne, al suo fianco potrebbe esserci il ritorno di Arek Milik, un giocatore che nelle ultime settimane ha avuto un’involuzione cos come il suo connazionale Piotr Zielinski.

CONFERME
Da qualche settimana, nell’elenco dei convocati figura anche Ghoulam ma, finora, non stato ancora utilizzato. L’impressione che Ancelotti stia aspettando il momento propizio per mandarlo in campo. L’esterno algerino fermo dal primo novembre dello scorso anno, quando s’infortun al ginocchio, riportando la rottura del legamento crociato anteriore. Da allora, per lui soltanto tante complicazioni e, al momento, le previsioni per un suo ritorno in campo non sono cos ravvicinate. Chi pronto, invece, Younes, che ha recuperato dalla rottura del tendine d’Achille. L’esterno tedesco potrebbe essere in panchina gi contro il Chievo. TEMPI LUNGHI
Sono quelli che si prospettano, invece, per i rientri di Meret e Chiriches. Il portiere non ha mai giocato una partita da quando arrivato a Napoli, bloccato dall’infortunio al braccio e dall’infiammazione alla spalla. Come anticipato dalla Gazzetta e diversamente da quando comunicato dalla societ la scorsa settimana, il ragazzo non sar disponibile pima dell’inizio del prossimo anno. Per Chiriches, operato per la ricostruzione del legamento crociato, a settembre, se ne riparler tra un paio di mesi.


 Mimmo Malfitano 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it