Napoli, pugni e calci al calciatore guineano: aggressione razzista?


Amir Gassama, 19 anni, attaccante del Gragnano in azione.  Alfano

Amir Gassama, 19 anni, attaccante del Gragnano in azione. Alfano

Un altro episodio di razzismo, sfociato nell’ennesima aggressione. Vittima del pestaggio, ieri sera, stato Amir Gassama, un calciatore dilettante, tesserato per il Gragnano calcio, societ che partecipa al campionato di serie D, girone H. Il ragazzo stato aggredito a Napoli, nella centralissima piazza Carlo III. Quattro facinorosi l’hanno avvicinato mentre era in attesa del pap e, senza una ragione, l’hanno colpito con pugni e calci, rivolgendogli contro frasi razziste. Il pronto intervento di alcuni passanti ha impedito che Gassama riportasse danni pi seri.

la risposta
Oggi pomeriggio, il ragazzo ha rilasciato alcune dichiarazioni a radio Crt. “Non penso sia stata un’aggressione a sfondo razziale. Credo che sia stato il gesto di alcuni sconsiderati. Io amo Napoli e sono anche molto tifoso del Napoli. Il mio idolo? No, non Koulibaly, ma Mertens”. Il giovane Amir ha avuto anche una breve esperienza nelle giovanili del Napoli, giocando nella formazione Primavera. “Un messaggio ai mie aggressori? Niente di che, a loro dedicher il mio prossimo gol”, ha detto Gassama che gi nel mirino di diverse formazioni di categoria superiore. “Fin qui, ha realizzato 14 gol in serie D. Amir un bravo ragazzo ed ha buone qualit sotto porta”, ha osservato Rosario Campana, il suo allenatore.


 Mimmo Malfitano  

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it