nel mirino Inzaghi e Del Piero


Lorenzo Insigne, 27 anni, attaccante del Napoli, ha gi

Lorenzo Insigne, 27 anni, attaccante del Napoli, ha gi segnato 10 gol in stagione. Ansa

U n poker da calare sul tappeto verde del San Paolo, per prendersi l’intero piatto e lasciare di stucco gli sceicchi qatarioti del Psg, piuttosto che i magnati americani del Liverpool. Gente che al tavolo della Champions si era seduta con una posta molto pi alta da giocarsi. Lorenzo Insigne stasera vuole allungare la sua serie entusiasmante in Champions per regalare un’altra notte magica alla sua gente. Prima il gol al novantesimo realizzato ad Alisson, poi il rigore col quale ha battuto Gigi Buffon. In mezzo il gioiello pi bello: il tocco da sotto al Parco dei Principi che stava mandando k.o. i parigini. Stasera Lorenzo potrebbe allungare la sua serie, avvicinare Pippo Inzaghi e Ale Del Piero, i soli italiani ad aver fatto meglio di lui nella massima competizione europea in quanto a serie di gol consecutivi, come si vede nella tabella sopra.

san paolo per amicoTra l’altro Lorenzo vanta un piccolo record, una serie anche quella ancora aperta. In queste due ultime stagioni in Champions Leguae ha sempre segnato a Fuorigrotta: dal Feyenoord al Manchester City di Guardiola; passando per lo Shakhtar e il Liverpool di Klopp, proseguendo dunque con il Psg, Insigne non ha mai mancato l’appuntamento in casa col gol. Lo ha fatto per cinque partite di Champions consecutive: mai nessun italiano c’ mai riuscito. diventato il punto riferimento offensivo del Napoli con 10 gol stagionali. Un capitan futuro – rispettando Marek Hamsik – che gi ha imparato a caricarsi di responsabilit come solo un vero leader sa fare.


incubo paliCerto, poi ci sono gli imprevisti del mestiere. Quelle volte in cui pensi di aver scoccato il tiro giusto, ma un legno ti strozza l’urlo in gola. Altri gol sognati che avrebbero potuto rendere ancora pi esaltante la buona stagione del Napoli. successo domenica scorsa contro il Chievo, capit anche all’andata contro la Stella Rossa a Belgrado: partite che non si sono schiodate dallo 0-0. Partite per certi versi simili, tatticamente parlando. Perch i serbi anche a casa loro hanno badato solo a difendersi. Come hanno fatto logicamente i veneti, ultimi in classifica. In questi casi serve un’invenzione, un guizzo per aggirare il bus che gli altri parcheggiano davanti alla propria porta.

nuova dimensione Se riuscisse nell’impresa di trascinare i suoi a una nuova vittoria, la dimensione internazionale di Insigne acquisirebbe finalmente un livello di assoluta competitivit. Essere il giocatore-guida del Napoli contro Neymar e Mbapp, piuttosto che Salah e Firmino, significa entrare nell’Olimpo. L dove si discute di Pallone d’oro e trofei internazionali. Del resto oggi pi che mai l’azzurro si convinto nella testa di poterlo scalare questo Olimpo, grazie ai consigli di Carlo Ancelotti, che rimpiange non aver incrociato in precedenza. Prima di misurarsi nel teatro di Anfield c’ da assolvere la complicata faccenda Stella Rossa. Ancora una magia, Lorenzo.

Dal nostro inviato Maurizio Nicita 

© riproduzione riservata




Link ufficiale: gazzetta.it