nessuna offesa agli arbitri dopo il derby


Urbano Cairo, 61 anni, presidente del Torino. Lapresse

Urbano Cairo, 61 anni, presidente del Torino. Lapresse

In quelle sue parole non ci fu nessun elemento considerato lesivo della reputazione arbitrale. Questo pomeriggio il Tribunale Federale Nazionale ha prosciolto il presidente del Torino, Urbano Cairo, e lo stesso Torino dopo il deferimento per le considerazioni che il numero uno granata aveva fatto due giorni dopo il derby Torino-Juventus (deciso da un rigore di Ronaldo) dello scorso 15 dicembre, rispolverando il tema della sudditanza psicologica.

la sentenza
Davanti al Tribunale Federale Nazionale ha prevalso cos la linea difensiva del Torino sostenuta dall’avvocato Edoardo Chiacchio. La Procura Federale aveva richiesto una squalifica di venti giorni per il presidente Cairo e una sanzione di cinquemila euro a carico del club e un’altra multa di cinquemila euro a carico di Cairo. Il Tribunale ha invece respinto tutte le accuse, prosciogliendo in toto Cairo e il Torino.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

la frase
Nella mattina di luned 17 dicembre, nel corso dell’intervento radiofonico a Radio Uno durante il programma Radio Anch’io Sport, Cairo aveva cos risposto a chi gli chiedeva se persiste ancora la sudditanza psicologica, commentando i due rigori non fischiati ai granata durante il derby al Torino (il primo per la spinta di Matuidi su Belotti, il secondo per il contatto Zaza-Alex Sandro): “L’hanno visto tutti – erano state le dichiarazioni di Urbano Cairo -. C’ stata una spinta abbastanza evidente e plateale quando Matuidi ha spinto Belotti, e c’era un secondo rigore quando Alex Sandro ha trattenuto Zaza. Io dico, come faccio da sempre, che erano due azioni almeno da andare a rivedere al monitor, utilizzando la Var. Se esiste ancora la sudditanza psicologica? Penso che ci sia ancora, visto l’elenco di episodi capitati ad esempio contro la Juve. Loro sono pi forti, e questo un fatto”.

Dal nostro inviato Mario Pagliara 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it