“Non fatto bene il mio lavoro”


Kalidou Koulibaly, 27 anni. Ansa

Kalidou Koulibaly, 27 anni. Ansa

Notti da incubo, quelle di San Siro per il Napoli. Passato Natale gli azzurri hanno giocato tre volte al Meazza senza mai segnare, perdendo 5 punti in campionato e la vista all’orizzonte della capolista Juventus e ora la Coppa Italia che era un obiettivo dichiarato del club. Kalidou Koulibaly, suo malgrado protagonista il 26 dicembre con gli insulti razzisti e poi l’espulsione contro l’Inter, stavolta si sente colpevole sulla sconfitta per 2-0 contro il Milan. “Mi dispiace perch non ho fatto bene il mio lavoro di difensore, anche se Piatek un attaccante molto forte, che sa fare la differenza”.

autocritica
Il difensore senegalese fa una disamina rigorosa e non cerca alibi: “ una sconfitta che fa male perch volevamo andare avanti in Coppa Italia. Potevamo e dovevamo fare meglio, siamo molto dispiaciuti. Il Milan ha fatto la sua partita, giocando dietro e ci hanno messo in difficolt. Hanno segnato con due ripartenze”.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

autostima e ripartenza
Questa squadra sembra aver perso autostima e si ritrova con tutti i suoi giocatori migliori in non grandi condizioni. A cominciare da Insigne che non “vede” pi la porta da quasi tre mesi, ad Allan travolto dalle pressioni di mercato, a Mertens in netto calo di condizione, allo stesso Milik che ha frenato considerevolmente la sua media gol nelle ultime gare. Anche Koulibaly sembra aver risentito di tutte le polemiche intorno alla squalifica e alla questione razzismo. Ma il senegalese ottimista e cerca di voltare pagina: “Vorremmo raggiungere qualche traguardo quest’anno, abbiamo ancora due obiettivi e dobbiamo rispondere sul campo a partire da sabato, contro la Sampdoria”. Che presenta due ex in gran spolvero: Quagliarella cannoniere senza et e Gabbiadini che vuol dimostrare di essere stato sottovalutato ai tempi di Sarri. Non proprio sparring-partner per il Napoli.

 Maurizio Nicita 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it