Non mi lasciavano salire senza biglietto


“L’ho fatto perché non mi facevano mai salire senza biglietto”, così, davanti agli inquirenti che lo interrogavano, un 50enne torinese ha ammesso candidamente di essere il piromane che nelle scorse ore ha incendiato gli autobus di linea dell’azienda pubblica di trasporto torinese Gtt arrivando a distruggerne ben sette. L’allarme è scattato poco dopo mezzanotte tra mercoledì e giovedì quando alcuni passanti hanno segnalato le fiamme nel piazzale antistante la stazione  ferroviaria di Ciriè, nell’hinterland di  Torino. Quando i vigili del fuoco sono arrivati sul posto, però. per i mezzi ormai non c’era più nulla da fare. Quando le diverse squadre di pompieri impegnate hanno spento le fiamme, alcune ore dopo, rimanevano solo le carcasse annerite di sette mezzi.

Subito sono partite le indagini dei carabinieri della tenenza di Ciriè e della compagnia di Venaria che, dopo aver visionato i filmati di alcune telecamere che sorvegliano la zona della stazione, sono risaliti al momento dell’innesco del rogo e all’autore: si tratta di un cinquantenne italiano incensurato e senza fissa dimora  molto conosciuto nella zona. Messo di fronte alle evidenze, ha ammesso le sue colpe spiegando il singolare movente. “Sono stato io perché non mi facevano salire senza il biglietto”, avrebbe detto durante l’interrogatorio . Secondo una prima ricostruzione dei fatti, le fiamme sarebbero partite dalla ruota di uno dei pullman, attizzate con la Diavolina, il liquido altamente infiammabile che serve ad accendere il fuoco nei camini. In poco tempo le fiamme però hanno avvolto l’intero mezzo e poi quelli che erano parcheggiati accanto per un danno di centinaia di migliaia di euro.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/