“Non sar un crocevia, ma dovremo essere al top”


Walter Mazzarri, 57 anni. LAPRESSE

Walter Mazzarri, 57 anni. LAPRESSE

Niente calcoli, tabelle neanche a parlarne, la parola “crocevia” bandita dal vocabolario. Perch, a sei giornate dalla fine, l’unica cosa che conta “superare il nostro limite rappresentato dal concretizzare molto meno rispetto alle tante occasioni da gol che creiamo in ogni partita”. Walter Mazzarri si mette in viaggio verso Genova, dove domani affronter la squadra di Prandelli, con una convinzione: “Abbiamo tanta carica per fare bene. E state certi che fino all’ultimo non molleremo mai. Certo, servir essere al top sia nelle gambe che nella testa per affrontare questa signora squadra. Domani non sar un crocevia, ma l’Europa vicinissima”.

pericolo genoa
Quando il discorso scivola sul Genoa, Mazzarri avverte il mondo granata: “Sono una squadra di valore, allenata da un bravo allenatore, che ha dimostrato soprattutto in casa di poter fare risultato contro tutti. Non a caso hanno fermato il Napoli, e battuto la Juve, la Lazio e l’Atalanta. Dovremmo stare attenti, fare un calcio propositivo ma facendo attenzione alle loro armi senza mai sottovalutare la fase passiva”.


solo belotti
Il Toro di domani in formato trasferta potr contare sul solo Belotti come attaccante di ruolo, avendo Zaza squalificato per due giornate e Iago Falque in infermeria. “A me non piace mai sottolineare le assenze, ma indubbio che Iago ci manchi. Sul suo recupero c’era qualche ottimismo in pi, purtroppo sta ritardando. Ma ora non pensiamoci, con lui faremo un punto marted quando ci rivedremo. Domani cercheremo di fare bene lo stesso con gli altri, e come abbiamo fatto anche contro il Cagliari troveremo le adeguate contromisure per farci trovare pronti”. Di certo, Djidji non ci sar: il difensore francese non stato nemmeno convocato per il riacutizzarsi del dolore al menisco del ginocchio destro e sta valutando di operarsi subito dopo Pasqua, cos da farsi trovare pronto per il ritiro di Bormio all’inizio della prossima stagione.

“cagliari? non parlo”
Questo stato il venerd in cui Mazzarri ha rotto il silenzio dopo la delusione post Cagliari. Quando ha lasciato il campo al 78’ in seguito alla convalida del pari di Pavoletti. A chi gli chiede di spiegare quanto successo in quella circostanza, risponde: “Simpaticamente, dico che non spiego niente. Il passato passato. Non parler pi degli arbitri e di cosa successo. Ha gi parlato la societ e ha detto tutto”. Qualcosa per Cagliari ha lasciato, “soprattutto una grande amarezza. Perch dopo aver sbloccato la partita dovevamo chiuderla e meritavamo di vincere. Poi arrivata l’espulsione ed andata come avete visto tutti. Ci mancato solo di chiuderla, e questo mi ha dato fastidio. Anche questa partita, come tutte le altre, ci dice che dobbiamo migliorare sotto porta, essere pi cattivi e cinici. Facciamo tanto volume di gioco, rischiamo spesso poco, ma facciamo fatica a fare i gol che meriteremmo. E’ il nostro limite, speriamo che s’inverta la tendenza in queste sei partite finali”.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

tabelle, no grazie
Lo dicevamo in apertura, niente tabelle per l’Europa. “Non ci conviene farli e non voglio fare tabelle. Questo un campionato cos avvincente e per certi aspetti strano che pu davvero accadere di tutto. Ci che vale sono queste ultime sei giornate, inutile fissare quote particolari: andiamo avanti di giornata in giornata e speriamo di fare bene. Non credo che Genoa sia un crocevia per l’Europa, proprio perch dopo mancheranno ancora quindici punti. Sei partite alla fine sono tante e l’Europa, con anche il settimo posto che pu tornare buono, vicinissimo.

Lo sciopero del tifo
Le ultime considerazioni sono sull’aspetto ambientale: gli ultras del Genoa domani attueranno lo sciopero del tifo, la gradinata Nord rester vuota. “Ma non credo che questo incider, non mi aspetto da questo punto di vista nulla di particolare. Sono convinto che il Genoa far una partita concentrata ed importante. Tutto il resto non influir”.

Dal nostro inviato Mario Pagliara 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it