“Non siamo scriteriati. Mai pensato a uscita da euro e UE”


L’intervento del Premier al Forum Ambrosetti.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte oggi è stato ospite al Forum Ambrosetti che va in scena come ogni anno a Cernobbio e che vede sempre la partecipazione di gran parte del governo in carica. Il Premier oggi ha cominciato il suo discorso parlando del fatto che il suo esecutivo non ha mai avuto intenzione di portare l’Italia fuori dall’euro e fuori dall’Unione Europea. Ha anche raccontato degli aneddoti risalenti ai giorni in cui erano in corso le trattative per la formazione del governo e Paolo Savona era stato designato come Ministro dell’Economia (ruolo poi andato a Giovanni Tria, presente al Forum).

Conte ha detto:

“Vi posso assicurare che non abbiamo mai valutato l’uscita dall’euro o di distacco dall’Europa”

E ha aggiunto che il governo è coeso, non è un gruppo di “scriteriati” e ogni giorno sui giornali legge di liti che, in realtà, non sono mai avvenute:

“Abbiamo una prospettiva quinquennale. Ogni tanto i giornali parlano di elezioni anticipate, dimostreremo che non è così con la manovra economica che stiamo varando, che mira a esercitare una politica in prospettiva di cinque anni. Alcune misure saranno varate con gradualità”

Conte ha anche toccato il tema caldo di queste settimane, la manovra economica, anche se ha specificato che non sarebbe logico parlarne ora, visto che sono in corso i lavori e gli incontri interministeriali:

“La manovra che stiamo varando è una manovra che mira a costruire una politica economica nella prospettiva di cinque anni. Alcune misure saranno dosate con gradualità. Il governo ha chiaro che i risparmiatori guardano alla nostra capacità di ripagare debito e interessi”

Conte ha parlato anche dell’obiettivo di accelerare la produttività del lavoro, che in Italia cresce troppo lentamente, poi ha fatto una precisazione sulle nazionalizzazioni:

“Non siamo per le nazionalizzazioni, non siamo per le privatizzazioni ma per una gestione efficiente delle risorse pubbliche. Delle volte sarà necessario affidarsi ai privati, ma d’ora in poi consentiremo la remunerazione dell’investimento. Sappiamo cos’è il rischio di impresa e lo sconteremo ma sappiamo anche cosa significa depredare le risorse pubbliche e non lo consentiremo più”

Per quanto concerne Autostrade ha aggiunto:

“Ho avviato la procedura per la caducazione della concessione, mi hanno dato dell’irresponsabile, uno che fa scappare gli investitori che non verranno più in Italia, ma ci saranno tutte le garanzie di legge, state tranquilli, non siamo fuori dallo stato di diritto. E discuteremo poi alla fine se decideremo di arrivare alla caducazione, se ci sono gli estremi, decideremo serenamente cosa fare dopo”

Conte ha anche parlato del disegno di legge Spazza Corrotti:

“È un segnale di zero tolleranza e di determinazione di depurare l’ambiente economico da atteggiamenti illeciti”




Link ufficiale: http://www.blogo.it/rss