Occhio a Bunny, velocità e potenza. Alla scoperta della Giamaica – La Gazzetta dello Sport


Le Reggae Girlz, che l’Italia affronterà nella seconda partita del girone, hanno una difesa compatta e pungono con le ripartenze

Il Mondiale femminile in Francia si avvicina, calcio d’inizio fissato a Parigi il 7 giugno. L’Italia debutterà il 9 contro l’Australia, il 14 affronterà la Giamaica e il 18 il Brasile. Passano agli ottavi le prime due dei sei gironi, più le quattro migliori terze.

Velocità ed entusiasmo

—  

Andiamo alla scoperta del secondo avversario delle Azzurre, la Giamaica, alla prima apparizione in Coppa del mondo. Le Reggae Girlz, come sono soprannominate per il genere musicale nato nell’isola caraibica, rappresentano un po’ un’incognita per la c.t. Milena Bertolini. Di loro si conosce la velocità e l’entusiasmo che le accompagnerà al debutto sul palcoscenico planetario. E la solidità della difesa: durante la fase di qualificazione ha perso soltanto contro Canada e Stati Uniti segnando 53 gol e subendone 14.

Come gioca

—  

Il c.t. Hue Menzies gioca solitamente con il 4-3-3. In fase di possesso il copione è quello di sfruttare la velocità degli esterni allargando il gioco sulle fasce. Dato però che tecnica e palleggio non sono un punto di forza, la Giamaica è più letale in fase di non possesso quando i centrali di difesa Konya Plummer e Allyson Swabyil pressano alto per indurre all’errore e innescare le ripartenze in velocità.

La stella

—  

La stella della squadra è l’attaccante centrale Khadija “Bunny” Shaw, 180 centimetri di muscoli: potente e veloce. A soli 22 anni ha già una solida esperienza internazionale con score di tutto rispetto: 26 gol in 30 presenze. È stata la prima calciatrice caraibica a firmare un contratto con la Nike.


Link ufficiale: gazzetta.it