“Odio il razzismo. Basta idioti allo stadio”


Robin Olsen, 29 anni. LaPresse

Robin Olsen, 29 anni. LaPresse

Arrivato dalla Danimarca in estate, Robin Olsen non si aspettava, evidentemente, il problema razzismo negli stadi italiani. Lo fa capire in una lunga intervista a “Dagens Nyheter” in Svezia: “Non dovrebbe succedere. il 2019, la gente va a guardare le partite perch gli piace il calcio. una cosa che odio, quegli idioti non dovrebbero essere allo stadio”. Dal razzismo al calcio, Olsen racconta anche del suo impatto con Roma e con la Roma, all’inizio non proprio semplice e anche adesso a tratti complicato, visti gli alti e bassi del club: “Tutti vogliamo vincere, ma non sempre facile. Abbiamo avuto i nostri momenti di calo, ma il modo in cui andiamo ad allenarci il giorno dopo una sconfitta e diamo tutto per migliorare per la partita successiva un modo di pensare professionale. Vogliamo sempre migliorare per la partita successiva. Il calcio questo, anche se si vuole, non facile trovare una risposta e capire di chi o cosa la colpa”, ammette il portiere svedese.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

totti e il lavoro
Olsen, poi, racconta anche del suo rapporto con la bandiera della Roma: “Francesco una persona fantastica, che ha una storia bellissima qui nel club. Sono felice di rappresentare la squadra che ha rappresentato lui. Fa come una persona qualsiasi, viene e saluta sempre tutti. Sapevo – racconta ancora Olsen – che ci sarebbe voluto del tempo, ma per fortuna non stato tanto. Sono riuscito ad adattarmi rapidamente e oggi imparo sempre cose nuove”. La speranza dei tifosi che continui cos, anche per eliminare quegli errori (vedi Bergamo) che rischiano di rovinare una stagione, almeno a livello personale, molto positiva.


 Chiara Zucchelli 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it