oltre 30 morti, centinaia di dispersi


Come si temeva, si aggrava di ora in ora il già pesante bilancio delle vittime dei terribili roghi che hanno devastato la California nelle scorse ore. Le autorità locali hanno già accertato 31 morti ma purtroppo il conteggio dei decessi è destinato ad aumentare ulteriormente man mano che i soccorsi raggiungono i territori distrutti dalle fiamme visto che all’appello mancano oltre duecento persone. Si spera che molti di loro si siano dati alla fuga autonomamente e siano riusciti a sfuggire alla furia dell’incendio ma purtroppo i ritrovamenti di cadaveri carbonizzati non fanno ben sperare. Lo sceriffo della contea di Butte, una delle più colpite, ha annunciato nelle scorse ore il ritrovamento di altre sei vittime, cinque in un’abitazione e una in un’auto mentre cercava una via di fuga.

Con l’avanzare dei soccorsi, le immagini diffuse mostrano l’enorme dimensione del dramma, con carcasse di auto bruciate in mezzo a quelli che una volta erano boschi, case e strade, ora ridotti a un cumulo di macerie e ceneri fumanti. Una tragedia immane causata da quello che gli stessi  soccorritori hanno definito il peggior rogo della storia dello Stato americano nonostante ormai da tempo si siano abituati a roghi sempre più devastanti nella regione. Le fiamme hanno spazzato via l’intera cittadina di Paradise, sono arrivate ad assediare anche alcune aree di Los Angeles e minacciano la rinomata località di Malibù dove si trovano le ville di vip. Molti di loro hanno dovuto abbondare le loro lussuose residenze ma molto peggio è andata a chi non ha più una casa visto che si contano già oltre 300mila sfollati.

Dopo giorni di inarrestabile avanzata, in queste ore le fiamme sembrano aver rallentato la loro corsa rendendo più facile il lavoro delle centinaia di vigili del fuco impegnati in zona da ore ed ore. Una fatica la cui conclusione però non si prevede a breve visto che per il pieno contenimento delle fiamme servono ancora giorni interi. Intanto è polemiche sulla responsabilità di quanto accaduto. Mentre gli esperti puntano il dito su una siccità senza precedenti dovuta ai cambiamenti climatici, il Presidentete Usa Trump invece cattiva la gestione delle foreste arrivando addirittura a minacciare il taglio dei fondi federali.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/