ora la storia, poi il mercato


Duvan Zapata, 28 anni. Getty

Duvan Zapata, 28 anni. Getty

Cinque e tre. Da una parte le partite che mancano alla termine del campionato, dall’altra la distanza tra s e la storia. Ci che porta a Inzaghi, il miglior marcatore in una singola Serie A da quando l’Atalanta esiste. Nella stagione 1996-97 Super Pippo chiuse a 24 (con 3 assist in 33 presenze), con il guizzo nell’1-2 di Napoli lo Zapata versione monstre di quest’anno ha esultato per la 21 volta in 32 match (da aggiungere i 2 centri in Europa League e i 3 in Coppa Italia, 7 gli assist totali). Numeri strepitosi per un “trita-record” che dal 3 dicembre scorso (k.o. 1-2 in casa proprio contro Ancelotti) non si pi fermato segnando 23 gol in tutte le competizioni. Prima di allora, solamente 3. Periodo pesante, chiss quanti avranno pensato: “Che assurdit spendere tutti quei soldi…”.

CALCIOMERCATO
Ovvero 26 milioni di euro (12 di prestito biennale oneroso, altri 14 per il riscatto), il denaro che la propriet dovr sborsare per acquistare il gigante di Cali dalla Sampdoria (cifra record per il club atalantino). In questo senso, nessun vincolo particolare. A fine campionato, Antonio e Luca Percassi (patron-presidente e amministratore delegato) potranno agire in ogni momento, in totale libert (in caso di “stretta di mano” con i blucerchiati, il nuovo contratto di Duvn scadrebbe nel giugno 2023). E a quel punto, in ottica mercato, sarebbe vera bagarre: per il cartellino, l’Atalanta chieder 45-50 milioni. Cifra logica per puntare a una sostanziosa plusvalenza da circa 20 milioni, corretta per un attaccante che con mister Gasperini definitivamente esploso segnando in maglia Dea circa 1/3 dei gol realizzati in Serie A con Napoli (11), Udinese (18) e Samp (11).


SOGNI E STORIA
Per le varie trattative, tempo al tempo (l’Inter ha chiesto informazioni, la Premier League osserva), il presente solo ed esclusivamente Zingonia. Da quelle parti c’ una storia (personale e di squadra) da scrivere e rendere meravigliosamente unica: altri 4 centri per superare Pippo Inzaghi e guardare tutti da lass, una Champions League da conquistare e una coppa da alzare al cielo. Per farcela, altri 5 step in campionato (Udinese, Lazio, Genoa, Juventus e Sassuolo), 2 in Coppa Italia (gioved la semifinale di ritorno contro la Fiorentina, il 15 maggio l’eventuale finale all’Olimpico di Roma). Poi, a fine stagione, giusto il tempo di respirare un attimo prima di partire con la Nazionale colombiana. C’ un volo in direzione Brasile, dal 14 giugno al 7 luglio l si gioca la Copa Amrica. Sar l’ennesimo obiettivo per Zapata, un “trita-record” che a Bergamo sta scrivendo la storia.

 Francesco Fontana 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it