Palermo-Crotone 1-0, Brescia-Padova 4-1 e Livorno-Spezia 1-3


Nestorovsky esulta per il gol vittoria. Getty

Nestorovsky esulta per il gol vittoria. Getty

Lo Spezia espugna il Picchi con tre gol, furioso Lucarelli che deve guardare la partita dalla tribuna dopo l’espulsione rimediata al 27’. Liguri quarti in classifica in attesa del Cittadella e del Benevento. Per il Livorno è crisi nera. Il Brescia in svantaggio trova prima il pareggio e poi completa la rimonta calando il poker contro il Padova, dando nuovo entusiasmo a tutto l’ambiente. Tra Palermo e Crotone la spuntano i rosanero, grazie al guizzo vincente sul finale: la squadra di Stellone balza in quinta posizione in classifica, mentre i calabresi non vincono dalla terza giornata.

Guarda la classifica di Serie B


palermo-crotone 1-0
Se il Pescara scappa e il Verona crolla in casa, il Palermo lancia finalmente un segnale battendo il Crotone, compiendo un passo importante per risalire la china. La gara: il primo tempo è di marca esclusivamente rosanero, sia Jajalo che Trajkovski mettono subito le cose in chiaro con due conclusioni insidiose nei primi dieci minuti. Al 20’ due giocatori finiscono a terra in area e il Palermo chiede il rigore, ma sette minuti dopo batte un colpo anche il Crotone con Barberis, abile a inserirsi tra le linee e incrociare il suo tiro, terminato però a lato. Alla mezz’ora lascia in campo uno sfortunato Nalini, ferito al ginocchio dopo uno scontro di gioco fortuito e il primo tempo si chiude con una gran parata di Cordaz sul colpo di testa di Nestorovski da un lato, e con il destro velenoso di Rohdén neutralizzato da Brignoli dall’altro. Più vivace la ripresa ma il copione è sempre uguale: al 54’ Nestorovski trova il gol in rovesciata ma l’arbitro fischia fuorigioco; al 70’ Rispoli mette i brividi a Cordaz con il suo cross deviato che si stampa sulla traversa, mentre su calcio d’angolo successivo Moreo svetta in area ma manca di precisione. Il Crotone si fa vivo con Rohdén (destro che sfiora il palo al 75’), ma è il Palermo a volerla vincere a tutti i costi, e a 5 minuti dalla fine la sblocca Nestorovski con un preciso destro a giro, seppur deviato da Marchizza. Il Crotone si dispera, Stellone torna a sorridere.

livorno-spezia 1-3
Inizio subito in salita per i padroni di casa, ottimo lavoro di Gyasi che entra in area, vede Marco Crimi, lo serve e il centrocampista ex Bologna non ci pensa due volte, palla sotto la traversa e ospiti in vantaggio dopo solo 5 minuti. Sarà poi Crimi a ricambiare il favore, stavolta però per il compagno Okereke, palla in mezzo elegante col colpo sotto, botta la volo del nigeriano, respinge male Mazzoni, ritornerà sul pallone lo stesso Okereke che insaccherà di testa al 21’ il raddoppio. Dopo neanche 10 minuti il Livorno è sotto di due gol. I toscani non ci stanno ed è Giannetti ad accorciare le distanze sfruttando l’assist di Valiani. Il Livorno ci crede ma è Bartolomei a buttare acqua sul fuoco, segnando il terzo gol per i liguri mettendo la partita in cassaforte al 25’. In questa occasione Lucarelli viene allontanato per le eccessive proteste. 1-3 al primo tempo e fischi al Picchi. Nella ripresa allo Spezia basterà controllare il vantaggio.

Brescia-Padova 4-1
Biancorossi dopo solo 16 minuti subito in vantaggio, Daniele Cappelletti in semi-rovesciata dentro l’area piccola segna il vantaggio per gli ospiti. Poi la partita si spegne in attesa del secondo tempo che riparte sulla falsa riga del primo. E’ Tremolada a trovare il pareggio al 61’ con un piatto preciso e a riaccendere il match. Il Brescia ci crede, sospinto anche dallo stadio, Torregrossa in acrobazia si inventa il vantaggio ma bandierina alzata e gol annullato. Non viene annullata invece la rete di Alfredo Donnarumma al 72’. Poi in tre minuti ne farà altri due, siglando la sua personale tripletta per la gioia di Corini.


Link ufficiale: gazzetta.it