“Paura dopo l’1-1, non ci sono partite facili”


Gennaro Gattuso, allenatore del Milan. Afp

Gennaro Gattuso, allenatore del Milan. Afp

L’accesso ai sedicesimi di Europa League per il Milan a un passo, ma l’allenatore dei rossoneri Gennaro Gattuso ha poco da sorridere. Il 5-2 sul Dudelange arrivato con pi sofferenza del previsto: al 49′ Cutrone e compagni erano infatti sotto 2-1. “Dopo il pareggio subentrata un po’ di paura”, ha detto Gattuso a fine match. “L’abbiamo interpretato bene, ma non esistono partite facili. Il Dudelange una squadra che sa palleggiare anche se non ha grande tenuta fisica, ma ci credeva molto”.

PIPITA E PATRICK
Tra i meno brillanti in campo, Higuain, che per viene difeso dal suo allenatore: “Secondo me gli faceva male la schiena, a volte faceva fatica a scattare. stato bravo per a stringere i denti e a fare una buona prestazione, anche se non ha segnato”. Molto meglio, invece, il suo partner d’attacco Cutrone: “Deve continuare a fare gol e migliorare a livello tecnico. Il veleno e il modo in cui si muove negli ultimi 16 metri sono da manuale”.


formazione
“Inizialmente dovevano giocare Mauri e Bertolacci”, ha spiegato Gattuso, “ma poi non ho voluto cambiare molto”. Il primo subentrato al secondo, autore di una partita non esaltante, a met ripresa: “Bertolacci stato beccato dal pubblico, mi dispiaciuto. Quando cambiamo tanto non facile. Ad esempio se c’ Laxalt ben diverso da Rodriguez che predilige il palleggio. Halilovic poteva attaccare ma portava sempre palla. normale fare fatica in queste situazioni. Dobbiamo essere bravi a capire gli interpreti con cui scendiamo in campo, non siamo bravi a farlo”.

 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it