“Per noi nuovo inizio. Sereno del mio lavoro…”


Eusebio Di Francesco, 49 anni. Ansa

Eusebio Di Francesco, 49 anni. Ansa

Eusebio Di Francesco ha ottenuto dalla Roma le risposte che cercava. Poca cosa questo Frosinone, ma la sua squadra all’Olimpico stasera doveva ritrovarsi dopo la figuraccia di Bologna, ultimo capitolo di un inizio di stagione tormentato. arrivata una vittoria netta (4-0), ottenuta senza soffrire. L’allenatore allontana i brutti pensieri a pochi giorni dal derby contro la Lazio: “Prima della partita ho parlato coi ragazzi, per noi come se ricominciasse il campionato – dice a Dazn -. Questa sera abbiamo giocato con anima e intensit: la vittoria pu sembrare facile ma affrontavamo una squadra che aveva fatto bene con la Juventus. Non abbiamo fatto niente, ma era importante incassare i tre punti, ritrovare la fiducia e i gol di tanti calciatori. Avevo anche chiesto di mantenere la porta inviolata, cos come era successo tante volte l’anno scorso, e siamo stati pi bravi nella gestione della palla: il sintomo di una crescita, per me un nuovo inizio. Il mio lavoro? Sono sereno”.
pallotta
Dalla Roma Di Francesco si aspettava soprattutto carattere: ” una squadra di ragazzi sani e perbene che ogni tanto vanno stimolati per cercare di tirar fuori qualcosa di pi”. Pallotta, contestato stasera dalla curva Sud, dopo Bologna si era detto addirittura “disgustato”: “Il presidente la propriet, pu dire ci che vuole. Ci auguriamo che le sue prossime dichiarazioni siano felici”.


MODULO
Oggi Di Francesco ha schierato la Roma con il 4-2-3-1. La ricerca del sistema migliore per valorizzare questa rosa va avanti: “La cosa pi importante trovare gli equilibri – dice a SkySport – che ci hanno contraddistinto l’anno scorso. Con il 4-3-3 abbiamo fatto fatica, anche se il mio sistema di gioco preferito. Nel 4-2-3-1 abbiamo giocatori come Pastore, Zaniolo, che lo possono far benissimo, magari cos si lavora meno sulle catene”.

ritiro
Il ritiro scattato dopo la trasferta di Bologna terminato. “Il ritiro servito tantissimo. Si pensa sia punitivo, invece abbiamo ritrovato anche l’affetto che viene a mancare quando si distanti. Abbiamo ritrovato il senso di appartenenza per il nostro lavoro. Adesso dobbiamo lavorare con continuit”, conclude Di Francesco.

 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it