Piatek, basta un gol per entrare nella storia – La Gazzetta dello Sport


Con un’altra rete il polacco del Milan sarebbe il primo giocatore nella storia della A ad andare in doppia cifra con due squadre diverse nello stesso campionato

Ora che il digiuno è finalmente concluso, si può provare a lasciare un altro segno nella storia del campionato. Krzysztof Piatek ne ha lasciati diversi in questa sua prima annata italiana, grazie a un impatto pazzesco sia a Genova che a Milano. Lottare per obiettivi differenti non gli hanno alterato minimamente il rendimento. Ecco, magari in rossonero ha vissuto un momento di astinenza un po’ troppo lungo rispetto ai suoi standard, ma la rete al Frosinone lo ha spazzato via e messo Kris nelle condizioni di poter aggiornare il già cospicuo bottino di primati personali. Adesso in maglia rossonera è a quota 9 gol e allora attenzione alla partita di Ferrara: con una sola rete il bomber polacco potrebbe lasciare due segni molto importanti.

GRAFFI IMPORTANTI

—  

In un caso ne gioverebbe l’immagine del club. La statistica infatti racconta che è dal 1985-86 che il Milan non chiude un campionato senza almeno un giocatore in doppia cifra (Hateley si fermò a 8). Diciamo che sarebbe quantomeno bizzarro ripetere il brutto episodio proprio nella stagione in cui il Diavolo ha lottato sino alla fine per la Champions. Certo, la cooperativa del gol ha sempre il suo fascino e spartirsi le gioie sottoporta aiuta la classifica: ma quest’anno al Milan in diverse partite è mancato il graffio di qualcuno capace di indirizzare le sfide. E quindi sono mancati punti basilari. La seconda statistica per Kris è invece molto personale: con quel gol che gli permetterebbe di a quota 10, infatti, il pistolero polacco sarebbe il primo giocatore nella storia della Serie A ad andare in doppia cifra con due squadre diverse nello stesso campionato. Insomma, ci sono debutti peggiori per un ragazzo della sua età che arriva in Italia da un altro campionato non di prima fascia. Il Milan che si è arrampicato fino al terzo posto, cullando sogni di gloria europei, è passato dai suoi gol. Poi è scivolato proprio nel momento in cui Kris si è inceppato, cosa evidentemente non casuale. Se domani sera il Diavolo si ritrovasse in Champions grazie alla firma di Piatek, sarebbe la perfetta quadratura del cerchio.


Link ufficiale: gazzetta.it