Platini duro con il Var: “Un video bricolage. La


Michel Platini, 63 anni. EPA

Michel Platini, 63 anni. EPA

“Il Var un video bricolage. Non ha portato pi giustizia. Prendete la finale del Mondiale: c’era il Var, eppure, sul primo gol segnato dalla Francia dopo un calcio di punizione per me non c’era il fallo del croato. Poi, sul secondo goal francese, la regia che chiama l’arbitro, che cos diventa una specie di burattino”. Michel Platini, ex presidente della Uefa, a proferire queste parole in un’intervista rilasciata a “L’Equipe”. L’ex fuoriclasse della Juventus ha cos attaccato il Video Assistant Refree, che nell’ultimo Mondiale disputato in Russia apparso sulla scena internazionale in seguito alla sperimentazione in Serie A e Bundesliga.

senza progresso
“L, c’era o no la mano del croato? A velocit reale e al ralenti `normale, sicuramente no, ma con l’ingrandimento delle immagini super-rallentate che sezionano l’azione di un millesimo di secondo s, l’arbitro vede finalmente qualcosa e fischia il rigore”, ha quindi proseguito Platini. Che sull’utilit del Var non ha dubbi: “Tutta la Croazia reclama l’involontariet, e tutta la Francia urla per il gesto volontario: dov’ il progresso, dov’ la giustizia? Rimane l’interpretazione”. A poco, dunque, sono servite le statistiche della Fifa volte a illustrare il miglioramento delle prestazioni arbitrali: “La Fifa trova le statistiche che vanno nella loro direzione – ha subito troncato il francese -, il video pu aiutare a giudicare se la palla attraversa o meno la linea. Al limite il fuorigioco. Queste decisioni si basano per su fatti precisi. Se non c’ spazio per l’interpretazione, anche l pericoloso…”.


 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it