pochi giorni dopo il cane la sbrana nel cortile di casa


Era appassionata es esperta di animali e in particolar modo di cani e non mancava occasione per aiutarli nel suo ruolo di volontaria. Così aveva fatto anche per un esemplare di pitbull che aveva visto in canile decidendo di dargli una mano e adottarlo così come aveva fatto in passato per tanti altri cuccioli tra cui anche alcuni pitbull. Quella decisione però ha finito per costarle la vita visto che pochi giorni dopo l’animale si è accanito su di lei sbranandola nel cortile di casa sua. È la terribile storia di una donna statunitense del Maryland, la 64enne Robin Conway, trovata esanime nel pomeriggio di lunedì scorso nel retro dell’abitazione con numerose ferite da morsi su tutto il corpo.

A ritrovare il cadavere è stato il marito della donna che, ritornato a casa e impensierito perché non riusciva a contattarla, è uscito a cercarla. L’uomo però ha dovuto fare pochissimi metri per scoprire il cadavere con accanto ancora il cane che ringhiava. L’uomo è riuscito a legare l’animale e ha chiamato i servizi di emergenza intorno alle 19:20 ma quando polizia e ambulanza sono arrivati sul posto per la 64ennne non c’era più niente da fare. Il pitbull, considerato pericoloso, è stato abbattuto. La carcassa sarà sottoposta a necroscopia per stabilire se ha avuto la rabbia o qualsiasi altro problema medico. “Robin era una persona che amava gli animali e anche questo cane, apparentemente, si era affezionata a lei”, ha detto a un’emittente locale la sorella della vittima, aggiungendo: “Mia sorella aveva adottato diversi pitbull in passato che non avevano mai dato problemi. È evidente che c’era qualcosa che non andava in questo cane, ma quello che ha fatto non deve portare a generalizzazioni sui pitbull dicendo che sono tutti cattivi, Robin questo non lo vorrebbe” ha concluso la donna


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/