Portanova e Nicolussi firmano il tris


La Primavera della Juventus festeggia il tris al Valencia. Getty

La Primavera della Juventus festeggia il tris al Valencia. Getty

La Primavera della Juventus aveva due obiettivi: dimenticare il pesantissimo 1-5 in campionato contro l’Atalanta e blindare la qualificazione alla seconda fase della Youth League. Missioni compiute: con il 3-0 al Valencia, i bianconeri di Baldini si assicurano il secondo posto nel Gruppo H con una giornata di anticipo. La trasferta contro lo Young Boys sarà inutile: Manchester United già primo e agli ottavi, Juve già seconda e sicura di affrontare nello spareggio (19 o 20 febbraio, sicuramente in trasferta) una delle otto squadre provenienti dal percorso riservato ai campioni nazionali.

TUTTO FACILE
Dopo un errore sotto porta di Petrelli servito da Fagioli, la Juventus si è portata in vantaggio al 21′: Nicolussi Caviglia ha anticipato Jesus Vazquez, il pallone è finito sul palo ma è poi rimbalzato addosso al portiere Huesca, che se lo è trascinato oltre la linea di porta. Mezzo gol, quindi, per Nicolussi Caviglia: l’altro mezzo è stato lo splendido assist di tacco per Portanova, che al 41′ non ha avuto problemi nel segnare la rete del raddoppio. In mezzo, il possibile pareggio fallito da Jordi Escobar.


gestione
Nella ripresa, la Juventus ha un po’ abbassato il ritmo, permettendo al Valencia di prendere fiducia e di sfiorare il gol che avrebbe riaperto la partita: l’occasione più grande, gli spagnoli ce l’hanno avuta al 58′, ma il calcio di punizione di Esquerdo si è stampato sull’incrocio dei pali. Nel finale, dopo il gol sfiorato da Portanova, è arrivato quello meritatissimo di Nicolussi Caviglia, servito da Petrelli al 93′. Dopo un’autorete provocata e un assist, il giusto premio per il centrocampista juventino. Per i bianconeri, è la seconda qualificazione alla fase a eliminazione diretta in sei partecipazioni alla Youth League.

Dal nostro Network, la classifica dei gironi
Dal nostro Network: la cronaca della partita

 Marco Calabresi 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it