Ragusa, violenza sessuale su una studentessa 14enne: arrestato collaboratore scolastico


 Un mediatore scolastico ultrasessantenne, originario del Gambia, è stato arrestato per violenza sessuale aggravata nei confronti di una studentessa di 14 anni. I fatti sarebbero avvenuti a Modica e l’operazione è stata condotta dalla polizia che ha ricevuto la segnalazione dal dirigente scolastico di una scuola della zona. Questi ha riferito di aver appreso dalla madre della giovane alunna che la propria figlia, durante le ore di lezione, mentre si trovava in un’aula dedicata ad altra attività ed in un momento di assenza degli insegnanti e di altre allieve, veniva palpeggiata al seno da un collaboratore scolastico. Immediatamente sono cominciate le attività di indagini  al fine di accertare l’esatta dinamica della vicenda e raccogliere i necessari elementi di responsabilità del collaboratore scolastico. L’autorità giudiziaria ha quindi portato all’emissione di un ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell’uomo che avrebbe avuto atteggiamenti equivoci anche nei confronti di altre alunne. La misura è stata eseguita lo scorso 2 ottobre ma è stata resa nota solo oggi.

Violenza sessuale e lesioni in un centro di accoglienza di Ragusa

Anche un altro gambiano, un 27enne, è stato arrestato dalla Squadra mobile di Ragusa con l’accusa di violenza sessuale e lesioni gravi. Anche quest’ultimo faceva il mediatore culturale presso un centro per migranti richiedenti asilo. Un giorno, stando alla denuncia di una donna ospite del centro, mentre quest’ultima stava cucinando, l’uomo abusava sessualmente di lei minacciandola di non dire nulla perché l’avrebbe uccisa. La presunta non avrebbe denunciato la violenza subita, ma quando all’indomani il 27enne l’ha riavvicinata accusandola di aver violato una regola del centro. A quel punto la vittima ha detto di essere pronta a raccontare tutto alla Polizia se l’avesse toccata ancora una volta. Il mediatore culturale invece di allontanarsi, l’avrebbe picchiata procurandole gravi lesioni personali rompendole le ossa nasali, mascella e zigomo. Portata d’urgenza all’ospedale, la donna ha raccontato tutto, anche grazie al supporto di uno psicologo. Nel frattempo il gambiano si era allontanato da Ragusa, facendo perdere le proprie tracce. Ieri, in collaborazione con l’ufficio Immigrazione della Questura di Ragusa, gli uomini della Squadra mobile lo hanno individuato ed arrestato.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/