Real, City, Psg e Juve fuori. I soldi non danno la felicit


La delusione di Kyle Walker: il suo Manchester City

La delusione di Kyle Walker: il suo Manchester City stato eliminato dal Tottenham. Afp

La caduta degli dei. Real Madrid, Manchester City, Psg, Juventus: squadre ambiziose, capaci di grandi investimenti, eppure fuori dalla Champions League. Proprio nel momento in cui si discute di una Super Champions pi elitaria, con vista sul 2024, i risultati di questa stagione stanno dimostrando che, a volte, i soldi non sono tutto. L’Ajax, con il suo montestipendi da provinciale di Serie A (poco sopra i 50 milioni), ha indicato una via alternativa, fatta di valorizzazione dei talenti e identit di gioco. E c’ da dire che una manifestazione da dentro-fuori come la Champions, rispetto a un campionato domestico, si presta pi facilmente all’avanzata degli outsider. Fatto sta che nelle dodici sfide a eliminazione diretta di questa edizione, tra ottavi e quarti, in ben cinque casi si sono imposte le squadre con il fatturato minore: il Porto sulla Roma, l’Ajax su Real e Juve, il Liverpool sul Bayern, il Tottenham sul City.

La classifica dei ricavi di DeloitteLa classifica dei ricavi di Deloitte

La classifica dei ricavi di Deloitte

La classifica dei ricavi di Deloitte

CONFRONTI
Nelle semifinali di coppa, tra le big dei fatturati, resistito il solo Barcellona, secondo nella classifica dei ricavi di Deloitte con 690 milioni. Fuori il Real Madrid, primo a quota 751, il Manchester United, terzo a 666, il Bayern, quarto a 629, il City, quinto a 568, il Psg, sesto a 542. E la Juve, undicesima nel fatturato ma in estate arricchita dalla gemma Ronaldo. Le semifinaliste? A parte il Barcellona, ci sono il Liverpool, che occupa la settima posizione nel ranking economico Deloitte (514 milioni di ricavi), il Tottenham decimo (428) e l’Ajax fuori classifica con i suoi 92 milioni di entrate nel 2017-18.




Link ufficiale: gazzetta.it