Ridateci i ricordi di Mauro


Il cellulare di Maurizio Zanfanti, il famoso playboy della Riviera romagnola noto come “Zanza” e morto per un malore il 26 settembre scorso, è stato rubato in casa della madre. A darne notizia è stata la stessa famiglia che ha lanciato un appello sui social e sulla stampa locale nella speranza di riavere il cellulare, importante per loro per i ricordi che conteneva. Quello rubato in casa della madre è infatti l’ultimo cellulare utilizzato dal noto personaggio della Riviera romagnola deceduto meno di due mesi fa: all’interno ci sono le ultime foto e i messaggi degli amici. Da qui l’appello della madre: “Ridateci i ricordi di Mauro”. Il furto in casa della madre di Zanfanti risale a venerdì scorso e chi si è introdotto nell’abitazione avrebbe rubato solo quel telefono. “È stata una cosa davvero strana – ha raccontato ai media la sorella di Zanza – Mia madre usava spesso il telefono di Mauro, anche per lavoro. Venerdì scorso è andata a fare la spesa e l’ha lasciato a casa. Non è stato fuori a lungo, quando è tornata si è accorta che qualcuno era entrato in casa”. La famiglia ha perciò pensato a un ladro anche se, almeno apparentemente, non sembrerebbe mancare altro dall’abitazione. “A chiunque lo abbia preso – ha detto ancora la sorella – chiediamo di restituircelo”.

La raccolta firme per intitolare a Zanza un giardino o una strada – Intanto, mentre la famiglia ha deciso di chiedere pubblicamente la restituzione di quel telefono, sempre dai social è partita una raccolta firme per chiedere all’amministrazione cittadina di intitolare a Zanza un giardino pubblico o una via. Maurizio Zanza Zanfanti era molto conosciuto a Rimini e lo scorso settembre, per dargli un ultimo saluto, in città sono arrivati centinaia di amici, conoscenti ma anche persone che non conoscevano personalmente quell’uomo famoso per aver conquistato tantissime donne. Zanza è deceduto all’età di sessantatré anni per un arresto cardiaco proprio mentre si era appartato con una ragazza.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/