rischio Inter-Napoli nell’urna. Sarri e spagnole da evitare


Inter-Napoli, disputata in A lo scorso dicembre. Ansa

Inter-Napoli, disputata in A lo scorso dicembre. Ansa

Chi devono temere Napoli e Inter oggi al sorteggio? Ormai tutto possibile, non ci sono limiti o paletti, possono arrivare anche derby (proprio Napoli-Inter per esempio) o sfide fra club in arrivo dallo stesso gruppo. Chi temere, quindi? Beh, facile, le spagnole e le inglesi. Quest’ultime perch sono le pi nobili del torneo; Chelsea e Arsenal, due da ottavi di Champions, non di Europa League. Due club rispettivamente al 17 e al 10 posto del ranking Uefa. Due club con organici temibili, anche se i Blues sono in crisi di risultati, i Gunners pi altalenanti.

W LIGA
Ma la prima del torneo nel ranking europeo il Siviglia (n.7), che se in Liga, dov’ quarto comunque, ha vinto un match negli ultimi 8 incontri, nel continente il club con pi Europa League in bacheca, 3, come l’Atletico Madrid, 5 comprese le 2 coppe Uefa, ed in assoluto il club che ne ha vinte di pi, tutto compreso. Ecco, la Spagna non solo Siviglia, ma anche il Valencia, uno dei quattro reduci dai gironi di Champions League (quello con la Juve, come le italiane e il Benfica), e il Villarreal, il meno forte, come anche la Liga dimostra ( terzultimo). La Spagna che dal 2009-10 di Europa League ne ha vinte 6 su 9; due l’Inghilterra e una il Portogallo. E in finale ha portato 7 squadre su 18; 4 inglesi e portoghesi (con un derby nel 2011), una a testa per Ucraina, Francia e Olanda. La Liga che inoltre ha portato 4 team agli ottavi (in pi rispetto a ora c’era l’Athletic Bilbao, e 3 ai quarti) nel 2016. E, prima, 3 nel 2012, con la finale-derby fra l’Atletico e l’Athletic di Bielsa. Insomma quando ai quarti arrivano 3 spagnole su 8… alla fine vincono loro la coppa.


E noi? E l’Italia, che negli anni Novanta dominava? Il Napoli n. 16 del ranking Uefa ed l’ultimo club tricolore ad aver raggiunto la semifinale in questo torneo, come la Fiorentina, nel 2015. Ultimo anno d’oro, quello, perch portammo ben 5 squadre agli ottavi. L’anno scorso invece c’erano soltanto la Lazio e il Milan (k.o. proprio con l’Arsenal) a questo punto. E i romani uscirono ai quarti col Salisburgo-rivelazione. L’Inter invece non tocca i quarti europei dalla Champions 2010-11, nel post Mourinho e Triplete, k.o. con lo Schalke. E in Uefa-EL non vede i quarti dal 2004; gli ottavi s, nel 2015, battuto dal Wolfsburg, altra tedesca…

I VIDEO DI GAZZETTA TV

OUTSIDER
Detto delle iberiche e inglesi, da seconda fascia di difficolt c’ l’Eintracht: sin qui in Europa 7 vittorie e un pari (2-2), col vicer dei bomber europei il 21enne serbo Luka Jovic (6 gol, 14 in campionato, da capocannoniere); con 23 reti il club di Francoforte l’attacco n.1 del torneo davanti al Salisburgo (22) – col numero 1 dei goleador, l’israeliano Dabbur a 7 reti (e 14 tiri in porta) – e al Siviglia (a 21). Proprio gli austriaci, che l’anno scorso hanno fatto fuori la Lazio ai quarti con la rimontona (4-1) al ritorno, sono il team che inquadra di pi la porta, e seconda in assoluto nei tiri. Da evitare anche il Benfica, rinato col 42enne Bruno Lage in panchina – 10 vittorie su 12 gare -. I pi deboli? I russi del Krasnodar, lo Slavia Praga e il giovane Rennes dell’ex Toro e Milan Niang.

 Iacopo Iandiorio 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it