Roma, per la panchina è corsa a quattro. In corsa anche Benitez – La Gazzetta dello Sport


Sfumato Gasperini, piacciono anche De Zerbi e Giampaolo, inseguiti pure dal Milan

Poteva essere il nome giusto per la Roma del futuro o — almeno – così pensavano nei giorni scorsi i dirigenti giallorossi. Ed invece ieri Gian Piero Gasperini ha deciso di restare a Bergamo ed all’Atalanta, il suo futuro sarà ancora colorato di nerazzurro, con la Champions sullo sfondo da giocare ed onorare. Una decisione che per alcuni versi, però, non ha sorpreso il management romanista, che da qualche giorno aveva iniziato a studiare anche delle piste alternative. Perché si era coscienti di come Gasperini non fosse un allenatore libero ma sotto contratto (per di più con una società “amica”) e perché nel momento in cui la qualificazione alla Champions stava per diventare realtà per i nerazzurri, a Trigoria hanno cominciato a capire che le possibilità di un accordo si stavano contestualmente accorciando.

Le alternative

—  

Nel frattempo, dunque, i dirigenti della Roma hanno iniziato a lavorare su altre piste, sia italiane sia estere. Di certo c’è che in Italia vengono seguiti i profili di Marco Giampaolo (Sampdoria), che però è finito pure nel mirino del Milan, e Roberto De Zerbi (Sassuolo), anche se poi non è stata abbandonata del tutto la pista che porta a Maurizio Sarri (nel caso in cui la Juventus viri alla fine altrove e il Chelsea lo mandi via). Difficilissima, invece, un’ipotesi legata a Rino Gattuso. Tra le piste estere i due nomi che sono stati offerti alla Roma nei giorni passati sono quelli di Rafa Benitez (Newcastle) e Laurent Blanc, libero oramai da tre anni. La scelta, comunque, non sarà immediata, ci vorranno una decina di giorni. Più o meno gli stessi che serviranno per sapere il futuro di Petrachi. E quello di Totti, che verrà nominato direttore tecnico insieme all’ufficializzazione del nuovo d.s.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SULLA GAZZETTA IN EDICOLA


Link ufficiale: gazzetta.it