Saputo ringrazia per il “miracolo salvezza” e va a San Luca a piedi – La Gazzetta dello Sport


Il presidente del Bologna rispetta il fioretto. Dopo la camminata, ci sarà una grigliata e il vertice di fine stagione

Matteo Dalla Vite – Luca Aquino

Il classico fioretto. Da rispettare. Questa mattina – a meno di stop dell’ultima ora – Joey Saputo salirà sul colle di San Luca a piedi, una sorta di ringraziamento per avvenuto miracolo (la salvezza del Bologna), un rito che per chi desidera fortemente qualcosa porta la gente – nel capoluogo emiliano – a dire “se succede vado a San Luca a piedi”. Ecco, Saputo sale: dopo il capolavoro di Mihajlovic (30 punti in 17 partite), il patron canadese si farà la camminata verso il colle che pochi giorni fa è stato anche teatro della prima tappa del Giro d’Italia in partenza da Bologna.

GRIGLIATA, SUMMIT E…

—  

Una volta sceso, poi, sarà atteso da dirigenza, squadra e Mihajlovic proprio sotto San Luca, ovvero ancora allo stadio Dall’Ara, teatro questa volta della grigliata (anche se è prevista pioggia) di fine stagione. Dopo il pranzo, ci sarà il Maxi Vertice: presenti Saputo, Fenucci, Bigon, Di Vaio e appunto Sinisa, che dopo la settima vittoria in casa consecutiva contro il Napoli (non succedeva dal 2002) ha parlato chiaramente di progetto-Europa come fattore da tener presente per poter restare anche il prossimo anno. Il vertice di oggi non darà probabilmente una risposta immediata da parte del tecnico serbo ma fra budget, giocatori, programmazione e quant’altro Saputo e Sinisa capiranno se l’avventura finirà o proseguirà. Poi, in serata, uno sguardo alle partite di Sassuolo e Spal: dovessero perdere entrambe (contro Atalanta e Milan), il Bologna agguanterebbe definitivamente il decimo posto che frutta 6,3 milioni di euro. Non c’è che dire: un capolavoro, considerando che Sinisa prese la squadra a 14 punti dopo 21 giornate; un dipinto che val bene una camminata a San Luca.


Link ufficiale: gazzetta.it