scopre in aula che hanno ucciso sua figlia


Una breve telefonata arrivata mentre era in corso un dibattito in aula e una deputata, Carmen Medel, che inizia a urlare, a disperarsi, a picchiare contro i banchi e contro i colleghi che la circondano. Al telefono l’avevano appena informata dell’assassinio di sua figlia. L’ennesimo omicidio che sconvolge un Paese, il Messico, dove negli ultimi tre mesi ci sono stati mille delitti. Il Congresso messicano ha vissuto una giornata carica di dolore e il video finito sui social dà un’idea di quanto accaduto dopo la telefonata giunta alla deputata. La confusione che si è creata dopo che Carmen Medel, del partito Morena che ha la maggioranza in Parlamento, ha risposto al telefono ha spinto lo speaker a sospendere la seduta e a chiedere l’assistenza degli impiegati per soccorrere la donna che piangeva e si disperava.

La figlia della deputata uccisa mentre si allenava in palestra – La figlia di Medel, Valeria Cruz, era una studentessa di ventidue anni. La ragazza si stava allenando nella palestra di una scuola a Ciudad Mendoza, nello Stato di Veracruz, quando secondo i media locali un uomo armato è entrato e l’ha uccisa con numerosi colpi. Il corpo della giovane sarebbe rimasto appeso al bilanciere che in quel momento stava sollevando per alcuni esercizi. Ignoto al momento il perché sia stata ammazzata: sembra che Valeria non avesse nemici. L’ennesimo delitto ha destato enorme scalpore all’interno del Parlamento messicano. Veracruz è lo Stato più bersagliato dalla violenza omicida dei Cartelli. “Non possiamo lasciar passare questo momento senza sottolineare il grave stato in cui versa il paese, la vulnerabilità delle famiglie e soprattutto l’impunità”, ha detto Porfirio Muñoz Ledo, presidente della Camera dei Deputati, annunciando l’interruzione dell’attività parlamentare fino al 13 novembre.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/