Serie A, Torino-Bologna 2-3: stop granata, rivincita Mihajlovic


Per il Bologna colpaccio a Torino. Ansa

Per il Bologna colpaccio a Torino. Ansa

La fermata annunciata sull’Eurostar Torino era quella obbligata della sosta per le nazionali, invece la banda Mazzarri frena prima del previsto, ed uno stop che fa male: il colpaccio nella tana del Toro lo mette a segno un gran bel Bologna con un 3-2 che luccica di scintille da salvezza e regala al grande ex di serata Sinisa Mihajlovic la vendetta perfetta dopo l’esonero granata del gennaio 2018: i punti rossobl con il serbo in panchina salgono a 10 in 8 partite e, in attesa della risposta dell’Empoli domani nello scontro diretto col Frosinone, Palacio e compagni si portano al quartultimo posto con 24 punti. La striscia di risultati utili consecutivi del Toro si ferma invece a 7 gare, il fortino dell’Olimpico cade dopo tre mesi di imbattibilit: l’ultima sconfitta risaliva al derby di met dicembre, l’ultima gara interna con 3 reti al passivo addirittura a settembre (1-3 col Napoli alla 5a giornata), Mazzarri avr da riflettere su questo scivolone. Poteva essere la notte dell’aggancio alla Roma al quinto posto, ma – al netto di alcuni episodi non sanzionati da arbitro e Var – quello di stasera stato un passo indietro.

RIBALTONE BOLOGNA
Bastano sei minuti ai granata per passare avanti: sugli sviluppi di un corner battuto da Baselli, il destro dal limite di Ansaldi deviato da Pulgar e beffa Skorupski. E tra il fischio di inizio e il vantaggio del Toro era successo di tutto, con un gol annullato a Palacio per fuorigioco di Lyanco e un’occasione sprecata da Belotti in tap-in dopo una gran risposta del portiere emiliano a Meit. il copione del primo tempo, dove il 3-5-2 mazzarriano – con Ansaldi e Aina invertiti sulle corsie laterali rispetto al solito – e il 4-2-3-1 di Mihajlovic sembrano incastrarsi alla perfezione per regalare occasioni da una parte e dall’altra: al club delle palle gol si iscrive anche Orsolini (8’, Sirigu c’), poi si materializza il ribaltone del Bologna. Al 29’ Poli, entrato 7 minuti prima al posto dell’infortunato Dzemaili, firma il pari di testa bruciando Ansaldi su cross di Palacio; al 35’ i rossobl si portano sul 2-1 grazie a un rigore di Pulgar, assegnato da Mariani grazie alla Var che pesca un fallo di mani di Meit su un angolo emiliano. La moviola in campo sorvola invece su due interventi molto dubbi su Belotti e Zaza in area rossobl: doppia spinta non punita in entrambi i casi.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

TRIS ROSSOBLU’
La Var di scena anche nella ripresa, quando un accuratissimo controllo ai monitor annulla il 3-1 rossobl di Sansone per un fuorigioco di spalla (poco prima Skorupski aveva salvato i suoi volando sulla bomba sganciata dalla distanza da Rincon). Mazzarri inserisce Iago per Baselli e passa al 3-4-3, ma incassa il colpo del k.o. Al 64’ Soriano ruba palla a Rincon in mezzo – altro intervento al limite − e innesca Palacio, che serve Orsolini: il sinistro brucia Sirigu e stordisce i granata. WM le prova tutte, buttando nella mischia anche Berenguer e Lukic e virando sul 4-4-2, ma Skorupski chiude ancora la porta ai tentativi granata (vedi deviazione su Belotti al 70’). In generale, tutta la squadra messa in campo da Mihajlovic a ridurre gli spazi di manovra granata ai minimi termini, prendendo in mano le chiavi della superiorit in mediana per lunghe fette di gara. Le cose si complicano solo dopo l’espulsione di Lyanco all’88’ (doppio giallo): sulla punizione seguente Izzo – con la complicit di Skorupski − riaccende l’entusiasmo del Grande Torino gremito, poi il rosso ad Aina riequilibra gli assetti e avvia un recupero da 10 contro 10 che consente al Bologna di portare a casa tre punti d’oro.

Dal nostro inviato Marco Fallisi 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it