Si toglie lo smalto dalle unghie con l’acetone e scoppia un incendio: subisce gravissime ustioni


Una ragazza inglese di 19 anni ha riportato ustioni di terzo grado alle braccia e alle mani in uno strano incidente mentre si toglieva lo smalto dalle unghie. Dopo essere tornata a casa sabato sera, Maya Edwards di Glenfield, Leicester, aveva immerso le dita in una ciotola di acetone, quando improvvisamente qualcosa è andato storto. La giovane aveva acceso una candela per farsi luce: mescolandosi con i fumi chimici tossici, la fiamma avrebbe fatto andare a fuoco la ciotola con l’acetone. Nel tentativo disperato di estinguere l’incendio che si diffondeva, Maya è corsa in bagno con ciotola e l’ha gettata nella vasca. Ma in un colpo di sfortuna, la diciannovenne ha incendiato la tenda della doccia. Le sue urla hanno poi svegliata la madre, Jules Keeling, 45 anni, che è corsa a vedere cosa stava succedendo. Jules, che lavora nel Breast Care Center nell’ospedale di Glenfield, a Leicester, ha portato immediatamente sua figlia al Leicester Royal Infirmary Hospital. Ora Maya, che lavora come amministratrice in una società di contabilità, sarà costretta a sottoporsi ad una serie di interventi per degli innesti di pelle su mani e braccia.

L’acetone è una sostanza chimica infiammabile ed è il componente di molti prodotti per la rimozione di smalti per unghie. “Continua a farmi male. Ma sono stata fortunata a non avere subito ustioni sulla faccia. Avrei potuto dare la nostra casa alle fiamme” dice Maya. La 19enne ha condiviso le foto delle sue ustioni su Facebook per mettere in guardia altre ragazzi sull’uso del prodotto chimico comunemente usato nei trattamenti delle unghie. “Voglio aumentare la consapevolezza di quanto pericoloso possa essere l’acetone“, si legge nella didascalia “Bisogna stare attenti, dicono sia infiammabile, ma non ti rendi conto di quanto possa essere davvero infiammabile, anche solo per i fumi che si mescolano al calore. Non mi aspettavo mai questo risultato” conclude.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/