situazione mai così grave dal 1891


E’ salito a tredici il numero delle vittime causate dal maltempo e dalle inondazioni che da due giorni stanno funestando il dipartimento dell’Aude, nel sud della Francia, nella zona di Carcassone. Le violente precipitazioni – che hanno causato anche numerosi feriti – si sono abbattute sul dipartimento francese di Aude nella notte tra domenica e lunedì. In tutta l’area è scattato l’allarme rosso dalle 6 di ieri e la piena ha raggiunto livelli senza precedenti.

Il livello toccato dalle acque a Trebes, nella Valle di Aude, non si riscontrava da 127 anni, ovvero dal 1891, e “non è distante dai sette metri”. Lo ha indicato il servizio Vigicrues. I vigili del fuoco hanno dovuto effettuare centinaia di interventi nell’arco di tutta la giornata di ieri, e i 350 uomini impegnati si sono rivelati ben presto insufficiente a fronteggiare l’emergenza, tanto che nella giornata di ieri il loro numero è stato raddoppiato.

Nell’arco di cinque ore, “tra i 160 e i 180 millimetnellri di acqua sono caduti sull’agglomerato di Carcassonne”, secondo il prefetto. La Protezione civile transalpina ha fatto sapere che un migliaio di persone sono state evacuate a Pezens, nell’Aude, in via precauzionale, nel timore che la diga potesse cedere e provocare una strage. I 750 pompieri mobilitati per l’emergenza stanno lavorando incessantemente per mettere in sicurezza tutti i residenti, a partire dai soggetti più deboli ed esposti come gli anziani. Le violente piogge hanno causato l’interruzione di molte strade e la chiusura di tutte le scuole della zona. Le autorità hanno fatto sapere che in una quindicina di comuni, nel nord dell’Aude, la situazione è “delicata”, mentre in altri sei “preoccupante”.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/