Škoda Kamiq, il suv a misura di città


Il «fattore K-Q» colpisce ancora: dopo Kodiaq e Karoq, nella gamma Škoda entra un terzo suv, il più piccolo della famiglia. Battezzato Kamiq: come nel caso dei due «fratelli», il nome viene dalla lingua del popolo Inuit, che vive in Canada del Nord e Groenlandia, e indica qualcosa che «calza a pennello». Il lancio ufficiale sta per avvenire al salone di Ginevra (7/17 marzo).

Il costruttore definisce il Kamiq un «city Suv»: un modello compatto, dunque, che combina i vantaggi della categoria (altezza da terra e seduta alta) con un ingombro a misura, anche, di centri urbani (è lungo 424 centimetri). Due ruote motrici: la trazione integrale non è disponibile. Il design riprende il linguaggio dei fratelli maggiori Kodiaq e Karoq. Anche qui, dunque, l’ampia calandra ampia e verticale, le nervature sul cofano e i gruppi ottici «cristallini» a due livelli, con le luci diurne a Led sopra i fari principali. Ma c’è anche l’opzione del full-Led, che include fendinebbia, luci laterali statiche e, per la prima volta in casa Škoda, indicatori di direzione anteriori e posteriori dinamici che, quando attivati, si illuminano scorrendo dall’interno verso l’esterno. Sul posteriore si notano le luci a forma di C e il diffusore, che accentua l’altezza dal suolo e l’aspetto muscoloso della vettura. Il modello nasce sulla piattaforma MQB e di questa architettura fa sue tutte le caratteristiche, dalla spaziosità dell’abitacolo ai sistemi di assistenza, dai motori di ultima generazione all’infotainment, fino alla connettività.

L’abitacolo è dominato dal touchscreen alto sulla plancia e di grandi dimensioni (fino a 9,2 pollici). Ampio anche il Virtual Cockpit (10,25 pollici), con cinque modalità di visualizzazione: Classic, Basic, Modern, Sport e Extended. Le prese d’aria laterali si estendono fino alle portiere. Il rivestimento delle portiere anteriori è realizzato in soft-foam con una texture specifica che richiama la struttura del cristallo, ma è disponibile anche la più pregiata Tecnofibra ArtVelours. L’ambient lighting (insomma: l’illuminazione interna), disponibile in tre colori (bianco, rosso e rame), cera una piacevole atmosfera. A parte lo spazio, notevoli anche le soluzioni di comfort che sono solitamente riservate ai segmenti superiori: basti pensare al volante e al parabrezza riscaldabili. Riscaldabili anche i sedili anteriori e posteriori laterali. Il bagagliaio ha una capacità minima di 400 litri, che aumentano a 1.395 abbattendo i sedili posteriori. In opzione, il sedile del passeggero può essere abbattuto, permettendo di trasportare oggetti lunghi fino a 2.447 millimetri.

Škoda Kamiq, il suv a misura di città

Quanto ai motori, sono tutti Euro 6d-TEMP, a iniezione diretta con turbocompressore, con recupero dell’energia in frenata e Start/Stop. Alla base della gamma c’è il 1.0 TSI 95 CV con coppia massima di 175 Nm, abbinato al cambio manuale a 5 rapporti. Il 1.0 TSI 115 CV monta il manuale a 6 marce, ma può anche essere abbinato al cambio automatico DSG a 7 rapporti e genera 200 Nm di coppia. Il motore top di gamma è il quattro cilindri 1.5 TSI 150 CV con coppia massima di 250 Nm. Questa unità è dotata della tecnologia Active Cylinder Technology (ACT), che spegne automaticamente due cilindri a carichi ridotti, per risparmiare carburante. Il cambio è manuale a 6 marce o, in opzione, automatico DSG a 7 rapporti. Questi tre motori a benzina hanno tutti il filtro anti-particolato.

L’alternativa Diesel è costituita dal quattro cilindri 1.6 TDI 115 CV, che ha una coppia massima di 250 Nm e monta di serie il catalizzatore SCR con iniezione di AdBlue e filtro anti-particolato. Cambio è manuale a 6 marce, con DSG a 7 rapporti disponibile a richiesta. Ma la proposta più interessante, per questo segmento, è il 1.0 G-TEC a metano. Un tre cilindri da 90 CV e 160 Nm di coppia massima, che si distingue per le basse emissioni di CO2 e NOx. Di serie il cambio manuale a 6 marce.

Il suv Kamiq è rialzato di 37 millimetri rispetto alla nuova Škoda Scala. Lo Sport Chassis Control permette un set-up dinamico. L’assetto sportivo opzionale è ribassato di 10 mm e, oltre alla modalità di guida Normal, propone la modalità Sport, caratterizzata da una maggiore rigidezza grazie agli ammortizzatori con valvole regolabili. Il Driving Mode Select offre quattro modalità: Normal, Sport, Eco e Individual. A scelta sono disponibili protezioni sottoscocca ampliate per chi desideri spingersi in fuoristrada. L’elenco dei sistemi di sicurezza e assistenza comprende, di serie, il Front Assistant e il Lane Assistant. Il Front Assistant, che include il City Emergency Brake e il sistema predittivo di presenza dei pedoni, monitora l’area davanti all’auto durante la guida in città. Grazie a una telecamera, il Lane Assistant riconosce le linee che delimitano la corsia e aiuta il conducente a non uscire. Fino alla velocità massima di 210 km/h in autostrada, l’Adaptive Cruise Control (ACC), optional, regola automaticamente la velocità in base a quella del veicolo davanti.

Škoda Kamiq, il suv a misura di città

Se combinato al DSG, il sistema è in grado di frenare e gestire la ripartenza automatica se la sosta non supera i tre secondi. In opzione anche il sistema che rileva la stanchezza del guidatore ed emette un segnale di allerta non appena registra un calo della concentrazione. Il sistema proattivo Crew Protect Assist chiude velocemente i finestrini e pretensiona le cinture di sicurezza anteriori. Fino a nove gli airbag, inclusi quelli per le ginocchia e i laterali anteriori. Dopo una collisione, il sistema Multi-Collision Brake ferma il veicolo impedendogli di proseguire in maniera incontrollata. Ulteriori sistemi di assistenza disponibili sono: il Side Assistant, in grado di rilevare veicoli fino a 70 m di distanza in fase di sorpasso o nel punto cieco del conducente e assiste efficacemente il guidatore in autostrada e su strade a doppia carreggiata; il Rear Traffic Alert, che avverte il guidatore di eventuali oggetti in movimento dietro il veicolo in retromarcia; la telecamera posteriore e il Park Assistant, che aiutano in parcheggio manovrando automaticamente la vettura in entrata e uscita; l’Auto Light Assistant, che utilizza una telecamera per rilevare i veicoli che sopraggiungono e quelli che stanno viaggiando davanti al veicolo abbassando automaticamente i fari.

Škoda Kamiq, il suv a misura di città

I due sistemi di infotainment Bolero (base) e Amundsen (al top) hanno otto casse, mentre il sistema opzionale da 405 watt Škoda Sound System ha dieci speaker. La connessione internet permanente rende sempre possibile la eCall, che in caso di incidente fornisce informazioni quali la posizione e lo stato del veicolo e il Servizio Proattivo, che mette l’auto in contatto con il Service per coordinare gli appuntamenti. Possibile la connessione remota tramite l’app Škoda Connect o il portale web. Questa funzione consente ai proprietari, a distanza, di aprire e chiudere l’auto e controllare se i finestrini sono chiusi. Possibile anche accedere a informazioni, dall’autonomia residua al chilometraggio e alla velocità media, sia in viaggio sia da casa. Le app di infotainment, disponibili sullo Shop presente nel sistema Amundsen, permettono di accedere a ulteriori servizi in-car. Con l’app News, per esempio, ci si può iscrivere a feed di notizie, mentre la Meteo copre l’intera Europa. Online Traffic Information dà stime più accurate su percorsi e tempi di viaggio; traffico e via alternative vengono aggiornate in tempo reale. I dati online informano anche sui parcheggi liberi e sui prezzi dei carburanti. Il controllo vocale è interpreta intere frasi attraverso l’utilizzo del server Škoda. Sullo Shop, i clienti possono selezionare pacchetti aggiuntivi di dati, per esempio per garantire a tutti i passeggeri un hotspot via Wi-Fi. Non sono previsti costi ulteriori o passaggi Service in quanto le mappe di navigazione si aggiornano automaticamente «over the air».

Altre soluzioni «Simply Clever»? Le protezioni in gomma per i bordi delle portiere, di serie: fuoriescono automaticamente all’apertura. Questo sistema previene danni sia al Kamiq sia ai veicoli vicini, specialmente negli stretti parcheggi di città. Il portellone elettrico opzionale è un’altra soluzione intelligente, utile quando ci si trova a dover caricare la spesa: il portellone si apre e si chiude premendo un pulsante, e grazie alla funzione Tip-to-Close può anche essere chiuso esercitando su una leggera pressione. Dall’allestimento Ambition in poi, è disponibile la torcia a Led removibile inserita in un apposito vano nel bagagliaio. Anche il gancio di traino a scomparsa, disponibile in opzione, è comandato da un pulsante collocato nel bagagliaio.

27 febbraio 2019 (modifica il 27 febbraio 2019 | 13:53)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Link ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml