Soldato britannico riabbraccia dopo 7 mesi il cane che aveva salvato in Siria


Sean Laidlaw, un soldato inglese di 30 anni, ha potuto riabbracciare Barrie, il suo adorato cucciolo di Asian Shepherd che ha salvato dalle macerie di Raqqa, nella Siria dilaniata dalla guerra civile. I due sono riusciti a rivedersi all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, in Francia, dopo sette mesi di lontananza. Il soldato, che vive nella regione dell’Essex, ha partecipato a due missioni in Afghanistan nei suoi 10 anni nella Royal Engineers ed è tornato in zona bellica, per l’esattezza in Siria, come esperto di smaltimento bombe. E’ stato proprio durante un’ispezione fra le macerie di una scuola siriana devastata da un bombardamento che ha salvato Barrie, rimasto intrappolato fra le macerie.

Per il soldato non è stato semplice conquistare la fiducia di Barrie, ma alla fine ce l’ha fatta: “E’ rimasto con me tutto il giorno, tutti i giorni. Dormivamo insieme, si alzava e mangiava insieme a me e si sedeva sul sedile del passeggero mentre andavo in missione. E’ stata una ventata di normalità che mi ha tenuto sano di mente”. Sean continua: “Lavorando in una zona di guerra, quando torni al campo sei circondato da altre persone ma in realtà sei da solo. E avere un compagno come lui con cui giocare, allenarti e su cui focalizzare le tue attenzioni riesce a tenere la tua mente lontana dagli orrori della guerra”.

Quando è stato il momento di tornare a casa portare Barrie in Gran Bretagna non è stato affatto facile. I due, infatti, hanno dovuto attendere sette mesi per rivedersi: “So di aver salvato la vita di Barrie, ma sento che è stato lui a salvare la mia. Andare a Parigi a prenderlo è stato emozionante e snervante, ma appena l’ho rivisto in carne ed ossa tutta la tensione è scomparsa. Non sono mai stato così felice”.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/