“Spero abbia più spazio ora, non teme Dzeko e Lukaku. Rinnovo? Suning sa quali club lo vogliono…” – Passioneinter.com


La stagione dell’Inter è terminata: i nerazzurri sono riusciti, pur soffrendo, a centrare la qualificazione in Champions League. Ora è tempo di fare le giuste valutazioni: dopo aver scelto il cambio tecnico in panchina, con Conte ormai ad un passo e Spalletti in uscita, saranno messi sotto la lente d’ingrandimento i giocatori, per valutare chi merita di far parte dell’Inter anche la prossima stagione.

Un reparto che verosimilmente subirà grosse modifiche sarà l’attacco. Una delle poche certezze è che si ripartirà da quel Lautaro Martinez che, pur non giocando spesso titolare, ha messo in mostra le sue qualità al primo anno nel Belpaese. La redazione di Passioneinter.com ha contattato in esclusiva il suo agente, Alberto Beto Yaque, per trarre un primo bilancio dell’avventura del Toro in nerazzurro.

Che giudizio dai alla prima stagione in Italia di Lautaro?

“Per me è stata più che positiva. E’ un ragazzo arrivato a 20 anni in un club gigante come l’Inter, che con la sua grinta ed il suo gioco è già entrato nel cuore della gente. I tifosi gli vogliono bene. E’ stato un anno molto buono. Ad un giocatore normalmente serve del tempo per adattarsi al calcio italiano, magari 1-2 anni. Lautaro ci è riuscito in soli 2 mesi. Ha fatto diversi gol, aiutando la squadra a qualificarsi in Champions, pur non giocando sempre titolare”.

Dopo questa prima esperienza, si sente importante per l’Inter?

“Sì, si sente importante, soprattutto interiormente: lui lavora per questo, per aiutare la propria squadra e per farsi trovare sempre pronto quando tocca a lui giocare. E’ un ragazzo molto intelligente e con un cuore davvero grande. E questo si vede in ogni momento: quello che sente lui dentro di sé credo che la gente lo veda”.

Con l’arrivo di Conte che futuro ti aspetti per lui?

“Non so se arriverà Conte o resterà Spalletti. L’unica cosa che spero è che non sia come quest’anno in cui non ha trovato tanta continuità di gioco. Spero che venga tenuto in conto in maniera diversa e che possa raggiungere una quantità sufficiente di partite di cui qualsiasi giocatore ha bisogno per dire la sua in un club”.

Che ruolo ha avuto Spalletti nel percorso di crescita di Lautaro? Come pensi lo abbia gestito?

“Credo che più che altro sia stato importante il lavoro di Lautaro durante la stagione. Perché ci sono stati momenti difficili nei quali non c’è stato posto per lui, nemmeno quando mancava un attaccante, pur avendo fatto bene ed avendo giocato partite interessanti in quel periodo. La cosa più importante in tutto questo è stata la squadra che lo ha accompagnato e guidato”.

Per l’attacco ora sifanno i nomi di Dzeko e Lukaku. Temi che ci possa essere meno spazio per lui se dovessero arrivare?

E’ pronto per competere con tutti. Se arrivano questi due grandi giocatori sarebbe una bella concorrenza per lui. Ma Lautaro è all’altezza, ha solo bisogno di quella continuità necessaria per tutti per esprimersi. Una concorrenza sana insomma”.

Avete già parlato con l’Inter riguardo al rinnovo del contratto?

“No, non ne abbiamo parlato. Come dico sempre sotto questo aspetto aspettiamo l’Inter con la massima disponibilità da parte nostra. Abbiamo un’ottima relazione con la dirigenza. Siamo molto tranquilli. Ovviamente Lautaro è cresciuto molto e Suning sa che oggi è valutato come uno dei migliori giocatori del mondo, così come i club europei che lo vogliono. Noi siamo tranquilli e sempre disposti al dialogo. Pensiamo al campo, sperando che Lautaro giochi e faccia bene”.

LA REDAZIONE DI PASSIONEINTER.COM RINGRAZIA BETO YAQUE PER LA GENTILEZZA E CORTESIA

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

CdS – Dzeko dice ‘sì’ all’Inter: manca solo l’intesa con la Roma. E spunta una contropartita dalla Primavera

 




Link ufficiale: gazzetta.it