Tattoo guru, un marchio sul calcio


Nainggolan alle prese con uno dei suoi tatuaggi. Con gentile concessione dei relativi tatuatori . Foto di  Giulio Pisciteli

Nainggolan alle prese con uno dei suoi tatuaggi. Con gentile concessione dei relativi tatuatori . Foto di Giulio Pisciteli

Fiducia. Passaparola sotto la doccia. Capacit di tradurre in un simbolo i successi sportivi e i valori della forza, della perseveranza e della protezione familiare. Colli e polpacci. Braccia col volto dei figli da baciare dopo un gol e schiene ricoperte di disegni da mostrare alle telecamere, rischiando l’ammonizione. Tra i calciatori, i tatuaggi rimangono argomento prediletto.Egli artisti che li realizzano sono un circolo chiuso di prescelti che i campioni si passano di bocca in bocca, scatenando la voglia di emulazione tra i compagni e tra tifosi: “La rosa che ho tatuato sul collo di Radja Nainggolan me l’hanno chiesta almeno in mille, non scherzo” racconta Fabio Onorini dello studio “Fronte del porto” di Roma. “Ovviamente, mi sono rifiutato categoricamente di riprodurla”. Un enorme fiore rosso sul quale si sono inseguite le interpretazioni pi strampalate: un segno d’appartenenza alla nazionale belga, l’emblema della libert gitana, la perfezione celeste unita alla passione carnale. “Ma in realt, la forma del collo e la presenza del pomo d’Adamo impediscono di realizzare disegni geometrici, la scelta quindi era tra una ragnatela e una rosa, e lui ha deciso per quest’ultima”, spiega il tatuatore, che ha disegnato anche la pelle di Maicon, Perotti e De Rossi e ha assunto nel suo studio prima come apprendista e ora provetto tatuatore Gianmarco Materazzi, primogenito dell’ex difensore dell’Inter e campione a Germania 2006, che con la moglie Daniela gira il mondo in visita agli studi pi rinomati, per legare ciascun viaggio a un nuovo simbolo: “So che Marco e la compagna sono appena stati a Los Angeles nello studio di Ben Grillo”, continua Onorini. “Il fenomeno del tattoo tourist, tra chi se lo pu permettere, in crescita”.

QUELLO CHE NON TI ASPETTI
Roma, Napoli e Milano (dove dal prossimo 8 febbraio si terr la Tattoo Convention) sono il centro di questo mondo d’inchiostro e pallone. Nel capoluogo lombardo c’ Andrea Costa, che un po’ defilato nella sua fucina di Pero chiamata “Spektrum” ha inciso l’epidermide di una quarantina di calciatori di Milan e Inter: da Boateng a Sneijder, da Mexes e Stankovic fino a Balotelli (con l’ex fidanzata Fanny) e Donnarumma: “A Gigio ne ho fatti tre: la scritta family, poi un pallone stretto tra due guanti da portiere e una serie di numeri legati a un evento privato che non posso rivelare. In generale, i temi legati all’unione e alla forza del nucleo familiare, tra gli sportivi, sono i pi richiesti”. Il prossimo sar il fantasista turco Hakan Calhanoglu, “10” del Milan, che l’ha gi contattato per un appuntamento da definire nelle prossime settimane. Nella Capitale lavora invece Francesco Cinti Piredda, che nel suo studio “Uno per cento” di via Ginori pratica soltanto di notte, dalle ventidue e trenta fino all’alba e unicamente su appuntamento, e ha lavorato con Candreva, Rocchi ma soprattutto con Francesco Totti e la moglie Ilary Blasi, che hanno scelto le sue tecniche di calligrafia d’ispirazione orientale per scambiarsi messaggi intimi e segreti: “Una sera si sono presentati addirittura coni figli, di ritorno da una trasferta burrascosa a Bergamo, e Francesco ha fatto scegliere ai ragazzi la scritta da imprimersi”, racconta l’artista. Che vanta l’utilizzo di un carattere di sua invenzione che soltanto chi lo porta e chi lo imprime in grado di decifrare. Messaggi che in prima battuta disegna grossolanamente direttamente addosso e in un secondo tempo finalizza, tanto da aver mandato a casa Totti dopo la prima seduta notturna, col disegno provvisorio sul corpo, non convinto fino in fondo del risultato. “Invece poi tornato la notte successiva. E sull’avambraccio sinistro sfoggia una scritta che tutti hanno creduto significasse “Stefany”, che il secondo nome della moglie. Ma il suo reale significato molto molto lontano da quello”. Per Ilary, invece, una serie di pupazzetti stilizzati, in onore dei figli, e rami di ciliegio che richiamano forza materna e delicatezza femminile.


su misura
Con la passione per il pallone che tuona in ogni vicolo, un’altra capitale del calcio e dell’inchiostro Napoli, citt dove il Che Guevara sulla spalla di Diego Armando Maradona ha fatto nascere una vera scuola. Qui, i pi gettonati sono Costantino Sasso ed Enzo Brandi, che nei rispettivi studi “Costattoo” ed “Enzo’s Tattoo Studio & Art Gallery” hanno ospitato in parata tutta la formazione partenopea. “La famiglia Insigne al completo venuta da me, senza contare Giaccherini, Hysaj e Sepe”, racconta Sasso, quarantatreenne di Marigliano, che pochi giorni fa ha ricevuto la visita del centravanti del Crystal Palace, Connor Wickham:”Mi seguiva su Instagram ed venuto apposta: aereo per Napoli, seduta, e ripartenza immediata per Londra. Gli ho fatto un cosiddetto “BlackWork”, un tatuaggio completamente nero per coprirne di vecchi che non sentiva pi suoi”, racconta. Specializzato in tatuaggi tribali, Costantino Sasso ha realizzato un “polinesiano” per Giaccherini e per la moglie, a richiamare un buon auspicio dalle divinit protettive e la forza di fronte alle difficolt. Per Luigi Sepe invece un coloratissimo old school in stile americano, a rappresentare l’amore per il mare:una palma, l’oceano e il sole. “Mentre Hysaj ha voluto un leone col suo cucciolo, sulla coscia, emblema dell’amore paterno”.

tcb
Ancora pi grande la formazione che s’ seduta sulla poltrona di Enzo Brandi, che nel suo tattoo parlor in zona Vomero ha accolto Maggio, Lorenzo Insigne, Callejn e i fratelli Cannavaro. Oltre a Marek Hamsik, che ne sfoggia circa trenta e a suo dire il pi stoico di tutti nell’affrontare il dolore dell’ago. E cos amato dai tifosi da averne sconfitto la proverbiale scaramanzia partenopea: “Il suo numero di maglia, il 17, lo vogliono tutti”, dice, raccontando di aver accettato un giorno di farsi tatuare da Hamsik stesso, che gli ha impresso una sigla che nel linguaggio cifrato dei tatuatori racconta il rapporto di fiducia che si crea tra chi si sdraia sul lettino e chi agisce sul corpo lasciando segni indelebili: la sigla TCB.

apprendisti
La figura del calciatore tatuatore potrebbe presto emergere: l’ex campione del Liverpool Daniel Agger sta approfondendo le tecniche e ha dichiarato di voler aprire uno studio. Cosi come il centravanti del Pisa Davide Moscardelli, famoso per la barba lunga e per il corpo ricoperto di grafiche e disegni, che ha chiesto a Fabio Onorini di essere accolto come apprendista una volta conclusa la carriera. Mentre da un punto di vista pi business c’ l’interessamento esplicito di Ciro Immobile, che ha investito parte dei suoi capitali nella start up Inkdom.com, una piattaforma web che tramite una serie di algoritmi mette in contatto gli appassionati con chi appare pi adatto a realizzarne i desideri. I calciatori invece sembrano avere sempre le idee piuttosto chiare, accomunati dauna serie di temi ricorrenti. La famiglia, sempre al primo posto: “Perotti mi ha portato tutti i suoi cugini argentini, che hanno voluto la medesima scritta: “Ora sto in cima, ma un giorno ritorner sulla terra”, racconta ancora Onorini, a simboleggiare che nonostante le alterne fortune di tutti, il legame di sangue li unir sempre. Poi il leone, protettivo e forte, come quelli di Ibrahimovic, Icardi, Memphis Depay e Insigne, che sta concludendo il suo re della foresta coi cuccioli sotto le mani di Brandi. E poi la variazione sul tema pi importante e diffusa: “Ricordati sempre da dove sei venuto”. E cos Armando Izzo del Torino ha voluto un’immagine di se stesso seduto su un pallone davanti alle Vele di Scampia. Carlitos Tevez si disegnato sulla schiena il graphic novel del suo personale inferno esistenziale. Valon Behrami porta sul polpaccio gli aeroplani che hanno bombardato il suo Kosovo. Gabigol ha voluto il volto dei genitori, che lo osservano dalle stelle come santi protettori, mentre lui innalza le braccia al cielo sotto i grattacieli di San Paolo del Brasile.

AMORE PER LA TERRA NATIA
Per non contare i tatuaggi patriottici (Douglas Costa ha la mappa del Brasile) e quelli d’amore, col capofila Lionel Messi che ha voluto le labbra della moglie sotto l’ombelico e Mauro Icardi che s’ affidato al tatuatore argentino Artur Holy Koi per il ritratto di Wanda Nara all’interno dell’avambraccio sinistro, a distanza di bacio. Chi ama soprattutto se stesso, come Neymar, va dal tatuatore Asao Rosa di San Paolo per inneggiare alle proprie gesta: la scritta “Gigante por natureza” impressa sul suo petto era sicuramente gi incisa nel suo orgoglio, se non gi nella storia, prima ancora di finire sulla pelle.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Raffaele Panizza 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it